• Cultura
  • mercoledì 28 settembre 2011

I documentari di Internazionale

Saranno proiettati questo fine settimana a Ferrara durante il Festival e raccontano la rivolta in Egitto e gli interrogatori a Guantanamo, tra le altre cose

Nell’ambito del Festival di Internazionale, che si terrà a Ferrara questo fine settimana e a cui parteciperà anche il Post, per il terzo anno di fila sarà riservato uno spazio a Mondovisioni, una rassegna di documentari selezionati da tutto il mondo. Le proiezioni, in lingua originale con sottotitoli in italiano, trattano argomenti che spaziano dalla politica internazionale, alla società, all’informazione, offrendo punti di vista inediti sui fatti di attualità.

Il tema comune sembra essere quello dei diritti umani, dalla rivolta egiziana alle elezioni in Ghana fino agli interrogatori di Guantanamo, ma ci si sofferma anche sul futuro dei sistemi educativi europei e verrà proiettato Page One, il documentario che riassume e racconta un anno di attività redazionale del New York Times. Di seguito i trailer, con una breve descrizione fornita dall’organizzazione del festival.


Prosecutor
di Barry Stevens, Canada, 2010, 92’
Anteprima italiana
Cinema Boldini
In inglese con sottotitoli in italiano
Venerdì 30 settembre, ore 12.00
Sabato 1 ottobre, ore 16.00

I primi processi celebrati dalla Corte penale internazionale dell’Aja dal punto di vista del procuratore capo Luis Moreno-Ocampo, con un accesso senza precedenti a dibattimenti e indagini sui crimini contro l’umanità, come in Darfur, in Ruanda e nell’ex Jugoslavia. Incaricato di perseguire dittatori e responsabili di atroci genocidi, Ocampo diventa un eroe per i sopravvissuti, ma attira anche critiche da ogni parte, con accuse di faziosità, eccessivo protagonismo, scarso rispetto per l’autonomia dei singoli stati. Le sue scelte contribuiranno a determinare il futuro della Corte penale.


The Edukators 2.0
di Doku Working Group & coop99,
Austria, 2011, 85’
Anteprima italiana
Cinema Boldini
In tedesco con sottotitoli in italiano
Venerdì 30 settembre, ore 14.00
Domenica 2 ottobre, ore 18.00

“L’università brucia!”: con questo slogan nasce e si sviluppa, tra euforia e frustrazione, la più ampia protesta studentesca europea degli ultimi anni. È l’autunno del 2009 quando viene occupata l’aula magna dell’università di Vienna. In poco tempo, e grazie soprattutto al web 2.0, la protesta si allarga a sorpresa oltre i confini austriaci e 130 atenei si mobilitano contro le norme comunitarie sul sistema dell’educazione. Un film collettivo realizzato con i video, le fotografie e i blog e i tweet degli studenti.


Last Chapter: Goodbye Nicaragua
di Peter Torbiörnsson, Spagna/Svezia, 2010, 102’
Anteprima italiana
Cinema Boldini
In spagnolo e svedese con sottotitoli in italiano
Venerdì 30 settembre, ore 16.00
Domenica 2 ottobre, ore 10.00

Nel 1984 in Costa Rica, appena oltre il confine nicaraguense, una bomba esplose durante la conferenza stampa dell’ex leader sandinista Edén Pastora: tre giornalisti furono uccisi, tante altre persone ferite e mutilate. Chi organizzò l’attentato e perché? Sono state fatte molte ipotesi, ma senza trovare nessun colpevole. Venticinque anni dopo il giornalista svedese Torbiörnsson, uno dei sopravvissuti, torna in Nicaragua.

1 2 3 Pagina successiva »

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.