• Mondo
  • lunedì 6 Giugno 2011

In Portogallo vince il centrodestra

Bocciato il governo socialista guidato da Sócrates, che ha dovuto affrontare la grave crisi economica del paese

Il partito di centrodestra Social Democratico (PSD) ha vinto le elezioni legislative in Portogallo, battendo i socialisti del premier uscente José Sócrates, che si era dimesso lo scorso marzo in seguito alla bocciatura da parte del Parlamento del quarto piano di tagli per far fronte alla grave crisi economica che sta interessando il paese. Sócrates ha ammesso la sconfitta ancor prima dell’arrivo dei dati definitivi, annunciando di voler dare le dimissioni anche da leader del partito.

Il PSD ha ottenuto complessivamente il 38,6 per cento dei voti, conquistando 105 dei 230 seggi del Parlamento, mentre il Partito Socialista (PS) si è fermato al 28 per cento dei consensi e avrà quindi 73 seggi, 24 in meno rispetto alle elezioni del 2009. Il Centro Democratico Sociale – Partito Popolare (CDS – PP) di centro-destra è il terzo partito con 24 seggi e l’11,7 per cento di voti. Seguono la Coalizione Democratica Unitaria, formata da Partito Comunista, Partito Ecologista – Verdi e Intervento Democratico, con 16 seggi (7,9 per cento) e il Blocco di Sinistra con 8 seggi (5,2 per cento).

Nel corso della campagna elettorale, il PSD aveva chiesto ai portoghesi di sostenere il partito con convinzione, così da potergli garantire i numeri necessari in Parlamento per formare un governo stabile in grado di adottare le misure necessarie per superare il grave momento di crisi economica. Il PSD propone nuove riforme per il lungo periodo contro la recessione e politiche del lavoro più flessibili, per rendere più semplici le procedure di assunzione e licenziamento dei lavoratori, una proposta molto criticata dalla sinistra.

Il PSD non ha ottenuto la maggioranza dei seggi e dovrà quindi cercare il sostegno in Parlamento di un altro partito per poter governare. Pedro Passos Coelho, il leader del PSD e probabile prossimo primo ministro, potrebbe proporre al Partito Popolare di formare una coalizione, ottenendo così la maggioranza necessaria per guidare il paese.

foto: AP Photo/Francisco Seco