• Mondo
  • martedì 24 Maggio 2011

La California rilascia migliaia di detenuti

La Corte Suprema ha ordinato la liberazione di almeno 38mila prigionieri per ridurre il sovraffollamento

foto: AP Photo

La Corte Suprema ha imposto alla California di rilasciare diverse decine di migliaia di detenuti per ridurre il sovraffollamento delle carceri presenti nello Stato. Secondo i giudici della Corte, l’eccessiva quantità di prigionieri ha portato a «inutili sofferenze e alla morte» di detenuti in prigioni che non li possono ospitare in condizioni decenti.

La decisione della Corte porterà a uno dei più grandi rilasci di prigionieri nella storia degli Stati Uniti. I giudici hanno confermato e sostenuto un ordine emesso in precedenza da una commissione di tre magistrati in California, che avevano richiesto il rilascio di 38 mila – 46 mila prigionieri per ridurre l’affollamento nelle carceri. Dal giorno dell’ordinanza, lo Stato ha fatto trasferire circa novemila detenuti nelle prigioni delle contee. Nelle carceri dello stato ci sono ora 32 mila prigionieri in più della capacità massima consentita dalle strutture detentive.

Secondo il giudice della Corte Suprema Anthony M. Kennedy, a causa del sovraffollamento le prigioni della California non rispettano in pieno quanto stabilito dalla Costituzione sulla qualità della detenzione. In alcune carceri i detenuti sono costretti a dormire nelle palestre e in media c’è una toilette ogni 54 prigionieri. Lo Stato, dice la maggioranza dei giudici della Corte che ha votato il provvedimento, non ha altra alternativa se non quella di liberare un maggior numero di prigionieri. Alle autorità della California è stato comunque concesso altro tempo per organizzare i primi rilasci.

Il voto sul sovraffollamento carcerario in California ha diviso i giudici della Corte Suprema. Antonin Scalia, giudice conservatore, ha definito la decisione raggiunta dalla maggioranza come sbalorditiva e assurda. Secondo Scalia con la liberazione di così tanti prigionieri potranno accadere «cose terribili» e Clarence Thomas, un altro giudice di orientamento conservatore, concorda con la profezia del proprio collega.

Non è ancora chiaro con quali modalità saranno rilasciati i detenuti, né se saranno tutti quelli indicati dalla Corte Suprema. Lo Stato della California dice di avere 142 mila detenuti e secondo i giudici della Corte la capacità massima delle carceri californiane non supera 110 mila. La decisione è stata accolta positivamente dalle associazioni che si battono per un trattamento umano e rispettoso delle persone detenute nelle carceri, come l’American Civil Liberties Union, secondo cui la Corte «ha fatto la cosa giusta per affrontare l’enorme problema del sovraffollamento delle prigioni in California».

Carceri come gli ospedali: non c’è posto, non entri