Gli indizi sui social network per Batman

Il Post vi racconta come arrivare alla prima immagine ufficiale dell'atteso The Dark Knight Rises di Nolan

The Dark Knight Rises è il terzo film su Batman girato da Christopher Nolan e uscirà nelle sale cinematografiche nel luglio del prossimo anno. Per dare qualche informazione sul nuovo episodio, che dovrebbe chiudere la trilogia inizia con Batman Begins e proseguita con The Dark Knight (Il cavaliere oscuro), Warner Bros ha da poco messo online il sito ufficiale del film con una interessante campagna promozionale che invita gli utenti a scoprire alcuni indizi per ottenere qualche anteprima sul nuovo lavoro di Nolan.

La ricerca inizia, naturalmente, visitando il sito ufficiale del film, ma se non avete voglia di lambiccarvi il cervello vi spieghiamo cosa si sono inventati quelli della Warner. Il sito web si presenta con una pagina completamente nera con un effetto sonoro abbastanza inquietante in sottofondo. Un utente ha analizzato lo spettro sonoro del file audio al computer e ha scoperto che conteneva la parola “thefirerises”.

Effettuando qualche ricerca in rete con la parola chiave, diversi utenti sono arrivati sul profilo Twitter @TheFireRases, che nelle ultime ore ha pubblicato alcuni messaggi che rimandano a una specifica pagina del sito web ufficiale di The Dark Knight Rises. Aprendo il link, compare una fotografia dell’attore Tom Hardy, che nel film interpreta Bane (Flagello), uno degli acerrimi nemici di Batman. L’immagine è un mosaico delle fotografie dei profili Facebook e Twitter degli utenti che hanno deciso di condividere il sito nelle loro pagine.

L’iniziativa online ha consentito a Warner Bros di far diffondere rapidamente la prima immagine ufficiale del film, utilizzando un sistema molto efficace e senza dover investire particolari risorse (anche economiche) per poterlo realizzare.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.