• TV
  • giovedì 19 maggio 2011

Stroncato sul nascere il programma di Vittorio Sgarbi

Cosa c'era nella prima e già unica puntata (capre, Morgan, e soprattutto troppo Sgarbi)

Ci tocca anche Vittorio Sgarbi, il programma del critico d’arte e politico, è stato chiuso dopo una gestazione difficile (almeno a sentire lui) e una prima, unica serata dagli ascolti molto insoddisfacenti. Ha fatto un inglorioso 8,3% di share per due milioni di spettatori, circa la metà dei risultati ottenuti solitamente da Rai Uno nella fascia oraria della prima serata, peggio di qualsiasi altro canale Rai o Mediaset.

Vittorio Sgarbi ha monopolizzato la puntata, a tema paternità, con un lunghissimo monologo (che doveva, secondo scaletta, durare solo 22 minuti), lasciando ben poco spazio agli ospiti: il vescovo di Noto, don Antonio Staglianò, Morgan, e Carlo Sgarbi, suo figlio. Ogni argomento della scaletta, mai completata, che veniva toccato, veniva subito riportato alle vicende politiche e giudiziarie del presentatore, o alla sua visione personale su ogni argomento.

foto: Cosima Scavolini/Lapresse

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.