• Mondo
  • giovedì 19 maggio 2011

Dominique Strauss-Kahn si è dimesso

DSK lascia l'incarico di direttore del Fondo Monetario Internazionale e nella lettera di dimissioni ribadisce la sua innocenza

Dominique Strauss-Kahn si è dimesso da direttore del Fondo Monetario Internazionale a seguito delle accuse di molestie sessuali che pendono sul suo conto da sabato notte. Quando a New York era appena passata la mezzanotte e in Italia erano le sei del mattino, Strauss-Kahn ha diffuso un comunicato stampa.

“È con infinita tristezza che oggi mi sento obbligato a presentare al Comitato esecutivo le mie dimissioni da direttore del Fondo Monetario Internazionale. In questo momento il mio primo pensiero è mia moglie, che amo più di qualsiasi cosa, i miei figli, la mia famiglia, i miei amici. A tutti voglio ribadire che respingo con tutta la fermezza possibile le accuse che sono state fatte contro di me. Voglio proteggere questa istituzione presso la quale ho prestato servizio con onore e devozione, e soprattutto – soprattutto – voglio dedicare tutta la mia forza, tutto il mio tempo e tutta la mia energia a dimostrare la mia innocenza”

Oggi Strauss-Kahn chiederà di nuovo di poter essere liberato attraverso il pagamento di una cauzione, la decisione dovrebbe arrivare domani. Strauss-Kahn era stato arrestato quattro giorni fa su un volo Air France sul punto di lasciare l’aeroporto JFK di New York, a seguito della denuncia di una cameriera dell’albergo in cui alloggiava: questa ha detto di essere entrata nella lussuosa camera di Strauss-Kahn e che questo ha tentato di violentarla per due volte. Dominique Strauss-Kahn era considerato un probabile candidato alle primarie del partito socialista francese nonché il più credibile e temibile sfidante di Nicolas Sarkozy in vista delle elezioni presidenziali dell’anno prossimo.

foto: EMMANUEL DUNAND/AFP/Getty Images

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.