• Tecnologia
  • Questo articolo ha più di undici anni

Quelli che spiavano bin Laden dall’alto

Nella caccia a bin Laden è stato determinante il lavoro di un'agenzia governativa di cui due anni fa Obama non conosceva l'esistenza

Gli Stati Uniti hanno catturato e ucciso Osama bin Laden grazie a un lungo lavoro di intelligence che ha coinvolto principalmente la CIA e grazie alla preparazione degli US Navy Seals, le forze speciali che hanno condotto l’operazione sul campo ad Abbottabad dove il terrorista si nascondeva da alcuni anni. Parte del merito per il successo dell’iniziativa spetta però anche alla National Geospatial-Intelligence Agency (NGA), un’agenzia governativa poco conosciuta che ha fornito immagini satellitari e accurate ricostruzioni al computer del complesso abitato da bin Laden in Pakistan.

Lo stesso presidente Barack Obama fino a un paio di anni fa non aveva idea di che cosa fosse la NGA, come racconta Marc Ambinder su National Journal. Nel maggio del 2009, Obama decise di concedersi un hamburger in un fastfood di Washington. La visita era stata organizzata per tempo e il presidente aveva stretto le mani dei dipendenti e dei clienti davanti alle telecamere e alcuni giornalisti.

Poi si girò verso alcuni uomini che portavano dei cartellini di riconoscimento della pubblica amministrazione. «Quindi voi che cosa fate?» chiese Obama. «Lavoro per la NGA, National Geospatial-Intelligence Agency» disse uno. «Notevole. Da quanto tempo hai questo lavoro?» chiese poi il presidente. «Sei anni.» Obama poi chiese: «Bene, spiegami esattamente che cos’è questa National Geospatial…» e la sua voce si affievolì. «Oh, lavoriamo con, uhm, con immagini satellitari.» Obama: «Sembra un bel lavoro.» E il resto della risposta rimase inudibile.

A distanza di un paio di anni, Obama ora sa perfettamente che cosa sia la NGA e a questa deve in buona misura il successo dell’operazione per trovare e uccidere Osama bin Laden. L’agenzia svolge alcune importanti funzioni, come lo studio e l’analisi delle immagini inviate dai satelliti e dai droni, gli aeroplani automatici senza pilota umano che compiono ricognizioni. La NGA studia anche lo spettro elettromagnetico alla ricerca di segnali e indizi sull’attività dei terroristi attraverso radar e altre tecnologie.

Per l’operazione in Pakistan, l’agenzia ha creato modelli tridimensionali al computer del complesso di Abbottabad in cui si nascondeva bin Laden; ha studiato e analizzato le immagini fornite da un drone di nuova generazione che ha sorvolato l’area prima, durante e dopo l’azione; ha aiutato gli alti comandi militari nella creazione di un simulatore di volo per i piloti degli elicotteri incaricati di portare gli US Navy Seals nell’area e ha dato informazioni essenziali alla CIA sul numero di persone che occupavano il complesso, fornendo dati sulla loro statura e il loro genere.

Prima dell’avvio dell’operazione, la NGA ha anche aiutato le altre agenzie di intelligence a identificare il complesso nei mesi che hanno preceduto l’avvio dell’azione sul campo. Attraverso lo studio delle intercettazioni telefoniche e dei suggerimenti di alcuni informatori, gli analisti dell’agenzia hanno raccolto dettagli sulle caratteristiche del covo dove viveva il corriere di bin Laden, uno degli uomini più fidati del terrorista. Sulla base di queste informazioni, gli analisti hanno poi identificato una serie di luoghi in Pakistan in cui si trovavano complessi compatibili con le descrizioni ottenute sul campo. Uno di questi luoghi era Abbottabad.

La NGA è arrivata a questi importanti risultati grazie a una dotazione tecnologica all’avanguardia e segreta. Se i terroristi conoscessero i mezzi e i sistemi utilizzati dall’agenzia, potrebbero cambiare il loro modo di agire per trarre in inganno gli analisti. Fonti anonime che hanno lavorato con la NGA parlano di strumentazioni che consentono di scoprire a distanza i materiali con cui sono costruiti edifici e oggetti, sistemi per il riconoscimento delle persone sulla base di alcune caratteristiche come statura e stazza, programmi molto raffinati per il riconoscimento facciale e sensori utilizzati su satelliti e droni in grado di vedere oltre le nuvole.

L’agenzia richiede molte risorse per le proprie attività, ma poiché fornisce informazioni essenziali per le altre agenzie di intelligence ha subito meno i tagli al bilancio imposti recentemente dalla Casa Bianca e dal Congresso. Oltre alla lotta contro il terrorismo, la NGA fornisce analisi e rapporti sulle attività di paesi ostili agli Stati Uniti come l’Iran e la Corea del Nord. Il problema è che la struttura che si occupa delle analisi è relativamente piccola se rapportata all’alta domanda di dati e informazioni da parte delle agenzie di intelligence statuintensi. La NGA si occupa anche dell’analisi di dati per scopi civili, legati per esempio agli eventi meteorologici come tornado e uragani, e non sempre riesce a fornire in tempi brevi i propri servizi.