• Mondo
  • venerdì 6 Maggio 2011

L’Egitto vuole cambiare linea su Israele

«I tentativi di risolvere il conflitto israelo-palestinese non hanno portato da nessuna parte», dice Moussa

Mubarak aveva sempre appoggiato la linea politica degli Stati Uniti nei confronti di Israele

Il candidato favorito alla presidenza dell’Egitto, Amr Moussa, ha detto in un’intervista al Wall Street Journal che se sarà eletto cambierà totalmente la linea politica su Israele dell’ex presidente Hosni Mubarak. «I tentativi di risolvere il conflitto israelo-palestinese non hanno portato da nessuna parte, l’Egitto deve adottare una politica che rifletta il consenso del popolo».

Mubarak aveva garantito pieno appoggio alla linea politica degli Stati Uniti verso Israele, ma ora Moussa vuole che l’Egitto recuperi un ruolo di primo piano tra le nazioni più potenti del mondo arabo e non sembra essere disposto ad accettare compromessi. «Viviamo nel ventunesimo secolo e dobbiamo fare parte di quelli che influenzano la politica nella regione araba e nel mondo», ha detto l’ex presidente della Lega Araba. «Eravamo usciti dalla cerchia e ora dobbiamo tornare a farne parte».

Negli ultimi mesi la giunta militare che sta guidando il governo di transizione in Egitto ha negoziato un accordo tra Hamas e l’Autorità Nazionale Palestinese, cercato di riavviare rapporti diplomatici con l’Iran e annunciato di voler riaprire il collegamento con la Striscia di Gaza, nonostante le proteste di Israele. «Mubarak aveva una linea politica», ha spiegato Moussa «ma era la sua politica e noi non siamo tenuti a seguirla. Vogliamo essere amici di Israele ma deve essere una relazione biunivoca, non possiamo essere soltanto noi gli amici».

Moussa era stato ministro degli Esteri con il governo Mubarak dal 1991 al 2001 e aveva dato le dimissioni proprio perché in contrasto con la linea dell’allora presidente egiziano. Negli ultimi anni ha detto più volte che il programma nucleare israeliano rappresenta un rischio molto più pericoloso di quello iraniano. Al momento è in testa a tutti i sondaggi per le prossime presidenziali di novembre. Nonostante non si sia ancora alleato con nessun partito politico, durante l’intervista col Wall Street Journal ha voluto precisare che i Fratelli Musulmani dovranno inevitabilmente svolgere un ruolo di primo piano nel nuovo Egitto. «È inevitabile che dalle prossime elezioni parlamentari di settembre esca una legislatura guidata da un blocco islamico, con i Fratelli Musulmani in testa». Gli Stati Uniti hanno iniziato quindi a temere che la linea dura nei confronti di Israele possa inasprirsi ancora di più man mano che ci si avvicina alle elezioni.

Il prossimo presidente dell’Egitto