• Mondo
  • domenica 1 Maggio 2011

Forse ucciso un figlio di Gheddafi

Il governo di Tripoli dice che Saif Al Arab Gheddafi è stato ucciso questa notte da un missile della NATO

«È stato chiaramente un tentativo di uccidere Muammar Gehddafi», ha detto un portavoce del regime

Il figlio più giovane di Gheddafi, Saif al Arab Gheddafi, sarebbe stato ucciso insieme ai suoi tre nipoti da un bombardamento NATO. Gheddafi si trovava nella casa di Tripoli del figlio insieme alla moglie e ad altre persone, che sarebbero invece rimaste illese. Lo ha riferito un portavoce del governo di Tripoli: «Gheddafi sta bene, non è stato colpito. È stato chiaramente un tentativo di ucciderlo, una cosa che non è permessa dalla legge internazionale. È ormai chiaro che quello che sta succedendo in Libia non ha niente a che fare con la difesa dei civili».

La NATO ha confermato che ci sono stati attacchi missilistici in quella zona della città, ma non ha confermato la morte del figlio di minore di Gheddafi. Saif al Arab, 29 anni, è il meno conosciuto dei figli di Gheddafi, rimasto quasi invisibile durante il conflitto degli ultimi mesi. Di lui si sa che non faceva parte dell’apparato militare, che aveva studiato in Germania e che proprio in Germania nel 2005 venne fermato dalla polizia alla guida di una Ferrari e con a bordo un fucile da assalto e delle munizioni. Il portavoce del governo di Tripoli ha accompagnato alcuni giornalisti occidentali a visitare anche i resti di un’altra casa nel centro della città che sarebbe stata colpita da almeno tre missili NATO.