La cascata del New York Times

Il progetto "Cascade" analizza le condivisioni degli articoli su Twitter e le trasforma in un grafico animato

I dati fiscali sull’ultimo trimestre del New York Times pubblicati giovedì scorso hanno dimostrato, ancora una volta, l’importante momento di transizione che sta affrontando il quotidiano statunitense per emanciparsi dal proprio ruolo di media tradizionale e conquistare nuovi spazi online, recuperando così i minori ricavi dovuti al calo delle vendite del giornale cartaceo. Ogni giorno gli esperti dei NYT Labs, la sezione del giornale che si occupa di sperimentare ed elaborare soluzioni per diffondere il New York Times online, analizzano i dati sull’andamento dell’edizione per il Web del giornale ed elaborano nuovi sistemi per tenere traccia delle discussioni che nascono in Rete tra i lettori che condividono gli articoli sui social network.

Ultimamente, gli analisti del New York Times si sono occupati della diffusione delle notizie pubblicate dal giornale su Twitter. Il loro lavoro ha portato alla creazione del progetto “Cascade“, un sistema per rappresentare graficamente che cosa accade quando i lettori scrivono i tweet sugli articoli online del giornale. Cascade consente di risalire al primo messaggio pubblicato su Twitter per una determinata notizia e di analizzare poi la sua propagazione online, visualizzando le strade che ha intrapreso e i possibili incroci con i messaggi degli altri utenti che hanno deciso di condividere la stessa notizia.

Il sistema parte dal momento zero della prima condivisione e prosegue poi illustrando come la notizia si diffonde nelle ore seguenti e in che modo. Secondo gli autori, Cascade potrebbe essere utilizzato non solo per il New York Times, ma per tutti gli editori di siti web desiderosi di conoscere le sorti dei loro contenuti sui social network e di comprendere meglio come gli utenti interagiscono tra di loro quando si segnalano articoli o altri contenuti multimediali.

Una newsletter sul dannato futuro dei giornali