Alla corte di Gheddafi

L'elenco degli artisti che negli anni si sono esibiti per il dittatore libico e delle loro reazioni odierne

Nelly Furtado e Beyoncé hanno devoluto i compensi in beneficenza, 50 Cent ha preso spunto dai rapporti con Gheddafi per la trama del suo videogioco

Il Guardian ha pubblicato un’analisi molto divertente, firmata da Charlie Brooker, su azioni e reazioni delle star che in questi giorni stanno ammettendo di essersi esibite per la famiglia Gheddafi in cambio di un sacco di soldi. Dell’elenco fanno parte Nelly Furtado, Lionel Ritchie, Beyoncé e il marito Jay-Z, Mariah Carey, 50 Cent. Quasi tutti, tranne quest’ultimo, si sono scusati con i fan, hanno negato di essere a conoscenza del coinvolgimento dei Gheddafi e si sono affrettati a devolvere i milionari compensi in beneficenza. Tutti tranne 50 Cent, che sembra invece piuttosto fiero di aver avuto a che fare con un dittatore sanguinario.

2006: Lionel Ritchie si esibisce a Tripoli di fronte alla residenza di Gheddafi in occasione del ventesimo anniversario dell'attacco statunitense, durante il quale rimase uccisa la figlia del leader libico. Foto: KHALED DESOUKI/AFP/Getty Images

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.