• Mondo
  • giovedì 10 febbraio 2011

Negli USA un deputato si dimette per una conversazione online

Christopher Lee aveva detto a una donna conosciuta su Craigslist di non essere sposato e le aveva mandato una sua foto a torso nudo

"Mi dispiace per il dolore che ho provocato alla mia famiglia, al mio staff e ai miei elettori"

Christopher Lee, un deputato repubblicano di 46 anni eletto in un collegio di New York, si è dimesso ieri sera dalla sua carica dopo che il sito Gawker aveva pubblicato una sua foto a torso nudo che il deputato aveva mandato al sito di annunci personali Craigslist. Lee, che è sposato, si era descritto nel suo messaggio come divorziato e “tipo figo, divertente e in forma” di 39 anni: aveva risposto all’annuncio di una donna che su Craigslist si era lamentata che tutti gli uomini che le scrivevano erano dei rospi. Ne era nata una corrispondenza tra i due – che la donna ha poi passato a Gawker dopo aver identificato Lee – che lo stesso Gawker descrive così:

Per gli standard di oggi, la conversazione è stata abbastanza banale: niente prostitute, escort o signorine. Solo il buon vecchio mentire e un’apparente intenzione di tradire la moglie.

Ma è bastato perché poche ore dopo la pubblicazione della foto (che si era scattato da solo davanti allo specchio) Lee comunicasse le sue dimissioni da deputato e il suo “profondo dispiacere per il dolore che ho provocato alla mia famiglia, al mio staff e ai miei elettori”.

«Le sfide che dobbiamo affrontare a New York e in tutto il paese sono troppo serie perché questo incidente prosegua, e quindi annuncio di essermi dimesso dalla mia carica al Congresso con effetto immediato»

Lee aveva un curriculum piuttosto conservatore, e si era opposto per esempio a permettere ai gay dichiarati di entrare nell’esercito. Il governatore dello stato di New York Cuomo dovrà ora fissare nuove elezioni per il suo posto.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.