• Mondo
  • sabato 5 febbraio 2011

«Il multiculturalismo ha fallito»

La stampa britannica anticipazioni dal discorso di Cameron sulla lotta al terrorismo

Il primo ministro britannico David Cameron farà oggi un discorso che presenterà una svolta del suo governo nei confronti della lotta al terrorismo interno, sostenendo che che lo stato deve incalzare – e non compiacere – il gruppi e le associazioni islamiche che, anche se non violente, sono ambigue e passive nei confronti degli estremisti, e non condividono valori fondamentali come l’uguaglianza tra i sessi, la democrazia e l’integrazione. Sia il Guardian che BBC pubblicano diversi estratti e anticipazioni dal discorso.

“Con la dottrina del multilateralismo di stato abbiamo incoraggiato culture differenti a vivere vite differenti, separate l’una dall’altra e da quella maggioritaria. Abbiamo fallito, non siamo riusciti a fornire una visione della società in grado da far desiderare loro di appartenervi”

Cameron non sarà certamente il primo a parlare di fallimento del modello multiculturale britannico, oggi. Da quasi un decennio, infatti, quel modello è unanimemente definito inefficace e quindi potenzialmente dannoso, benché a lungo sia stato considerato il più avanzato al mondo.

Il modello multiculturale britannico, in sintesi, si basa sulla pacifica convivenza tra diverse comunità ed etnie, che si tollerano e che entrano raramente in contatto. Si tratta di una forma di integrazione tra comunità e non tra persone: e in molti hanno sostenuto che un sistema che colloca una persona nella società in virtù di un dato innato come la sua etnia è in fondo un sistema razzista. Se con gli immigrati di prima generazione il sistema ha funzionato, dando loro la possibilità di vivere in un ambiente familiare e simile a quello che avevano lasciato nei loro paesi di nascita, con gli immigrati di seconda e terza generazione le cose si sono fatte più complicate.

Persone nate e cresciute in Gran Bretagna, con passaporto e nazionalità britannica, si sono trovate a vivere ai margini della società britannica, ghettizzati in comunità chiuse in ragione della loro appartenenza etnica e tutt’altro che integrati, quindi. Le autorità hanno garantito grande autonomia alle comunità locali, con la conseguenza deteriore di allontanarle dal resto della popolazione, di impedire il mescolamento tra varie comunità e lasciare campo libero all’estremismo religioso. Che unito al disagio delle giovani generazioni ha dato risultati devastanti nel proliferare di nicchie di enorme arretratezza culturale e del terrorismo interno.

“Libertà di parola. Libertà di fede. Democrazia. Stato di diritto. Diritti uguali per tutti, indipendentemente dall’etnia, dal genere o dall’orientamento sessuale. Queste sono le cose che definiscono la nostra società. Appartenere alla nostra società vuol dire credere a queste cose. Abbiamo tollerato la presenza di comunità praticamente segregate, e il loro comportarsi in modi contraddittori rispetto ai nostri valori. Quando un uomo bianco sostiene delle tesi razziste, noi lo condanniamo pubblicamente, e giustamente. Quando gli stessi punti di vista inaccettabili arrivano da qualcuno che non è bianco, siamo troppo cauti, persino spaventati, di affrontarli come dovremmo”

Cameron dirà che lo spettro delle responsabilità è molto ampio: che ci sono persone che rifiutano la violenza ma accettano senza problemi un pensiero estremista che ripudia la democrazia e i valori liberali. E dirà che invece che ignorare queste pulsioni, i governi e le società dovrebbero affrontarle in ogni forma. Per questa ragione, Cameron annuncerà il taglio dei finanziamenti pubblici a una serie di organizzazioni ambigue che rappresentano secondo lui “parte del problema”.

“Ci sono organizzazioni che sono inondate di denaro pubblico ma fanno molto poco per combattere l’estremismo al loro interno: dare soldi a loro è come affidarsi a un partito fascista per combattere un’organizzazione armata di estrema destra. Giudichiamole adeguatamente. Credono nei diritti umani universali? Anche per le donne e per chi crede in un’altra religione? Credono nell’uguaglianza delle persone davanti alla legge? Credono nella democrazia e nei diritti delle persone a eleggere i loro rappresentanti? Incoraggiano l’integrazione o il separatismo? Queste sono le cose che dobbiamo chiedere”

Nel corso del discorso, Cameron farà una netta distinzione tra la religione e l’estremismo, sostenendo che “l’estremismo islamico e l’Islam non sono la stessa cosa”. E darà il suo inequivoco sostegno al movimento per la democrazia in Egitto: “Non accetto la tesi per cui siamo costretti a scegliere tra uno stato di polizia e uno stato islamico”.

foto: JOHANNES EISELE/AFP/Getty Images

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.