Le ultime tre canzoni del rock

Nei primi cento singoli del 2010 in Gran Bretagna c'è il più basso numero di pezzi rock di sempre

La formula giornalistica è abusata e pretestuosa, ma il Guardian la mette così: il rock’n’roll è morto. Motivo di questa conclusione sentita mille volte è questa volta un dato statistico: nella classifica dei 100 singoli più venduti dell’anno in Gran Bretagna non c’era mai stato un numero così basso di pezzi categorizzati rock. Appena tre. Erano stati tredici nel 2009. Le analisi sono molte e contraddittorie: l’industria discografica investe di più nelle scemenze pop-televisive da teenagers e non solo, ma è anche vero che qualche anno fa si era detto che gli unici che ancora pagavano per la musica erano gli adulti e che c’era una solidità di mercato deli dinosauri del rock. E poi le cose sono diverse tra Regno Unito, Stati Uniti, resto del mondo, per non dire dello scarso valore delle classifiche dei singoli.

Valutazioni a parte, la curiosità che ci è venuta è di sapere quali siano, queste tre canzoni sopravvissute al giudizio del pubblico britannico un tempo raffinato. Una è un vecchio classico ritirato fuori da una pubblicità, le altre arrivano da una cantante londinese gorgheggiante di culto e da una band di San Francisco sulla scena da tempo e che ha azzeccato un singolo assai leggerino.
https://www.youtube.com/watch?v=V9ymILflac0

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.