• Media
  • sabato 8 gennaio 2011

Aria nuova nei giornali di destra

Sallusti accusa Feltri di prendere le distanze da Berlusconi e "cambiare bandiera": il Giornale e Libero diventano nemici?

In un accesso di autocelebrazione oggi Libero pubblica la trascrizione di un’intervista pubblica fatta a Cortina dal “noto giornalista televisivo Marino Bartoletti” a Vittorio Feltri, da poco divenuto comproprietario e direttore editoriale del quotidiano. Veniamo quindi a sapere che a un certo punto, a Cortina, Feltri ha risposto così sul tema del prossimo presidente della Repubblica:

«Io non credo – e sinceramente non mi auguro – che sia Berlusconi: anche se penso che con lui il Quirinale diventerebbe un luogo, come dire, più… divertente».

Se lui va al Quirinale abbiamo finito di vivere, per le cose che dicevamo prima.

Tanto è bastato perché il suo ex vice e sodale di molte “battaglie” al Giornale, e oggi direttore di quel quotidiano, decidesse già ieri di scrivere in un editoriale pubblicato stamattina quanto segue.

A cambiare bandiera è anche Vittorio Feltri. Il giornalista, fino a ieri tra i più autorevoli sostenitori del premier, in un in contro pubblico a Cortina, ha detto che Silvio Berlusconi non ha i nu meri per candidarsi a capo dello Stato e che sarebbe addirittura meglio che non si ricandidasse neppure a premier. Fini, Bocchino e Di Pietro possono contare su un nuovo alleato?

La si può rubricare come polemichetta di un mattino, ma un’accusa di voltagabbana e addirittura “alleato di Di Pietro” è infamante abbastanza negli ambiti dei giornali filoberlusconiani da indicare che qualcosa sta cambiando nella convivenza dei due quotidiani: finora rivali commerciali ma complici politici, oggi pare assai meno rispettosi.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.