Le dieci più grandi scoperte della zoologia

BBC Wildlife classifica le dieci scoperte più importanti di tutti i tempi nel campo della zoologia

L'archeottérige è il più antico uccello noto: aveva ali piumate ma anche denti, artigli e una lunga coda

La zoologia è la disciplina biologica che si occupa dello studio degli animali. Uno dei primi studiosi di zoologia fu il filosofo greco Aristotele, che nel quarto secolo a.C classificò le caratteristiche e il comportamento di centinaia di specie in cinque libri. Da allora la zoologia è progressivamente avanzata nella descrizione dell’universo animale, spesso annunciando nuove scoperte. BBC Wildlife Magazine ieri ha provato a fare una classifica delle dieci più importanti di tutti i tempi.

10. Gli strumenti usati dagli scimpanzé

Nel 1960, Jane Goodall scoprì che gli scimpanzé del Parco Nazionale della Tanzania usavano i ramoscelli degli alberi come esca per catturare le termiti. Staccavano un ramoscello, lo inserivano in un nido di termiti e quando le termiti iniziavano a mangiarne le foglie, lo tiravano fuori e mangiavano a loro volta gli insetti rimasti aggrappati.

9. La simbiosi nel corallo

Quello che comunemente chiamiamo corallo non è altro che lo scheletro calcareo di piccoli polipi simili ad anemoni di mare, che di solito vivono radunati in colonie molto numerose. Queste creature marine riescono a vivere soltanto grazie a una relazione simbiotica con un tipo particolare di alghe, dette zooxantelle. Le alghe si attaccano al corallo e in cambio di rifugio e sostanze nutritive fondamentali (fosfati, nitrati, anidride carbonica), garantiscono ossigeno e prodotti metabolici della fotosintesi al corallo, consentendogli di aumentare la produzione di calcio e quindi di proliferare.

8. Come caccia il calamaro gigante

Il calamaro gigante è il più grande animale invertebrato del pianeta. Vive a profondità così inaccessibili per l’uomo che sono pochissime le cose che si sanno sul suo comportamento. Nel 2004, gli scienziati giapponesi Tsunemi Kubodera e Kyoki Mori riuscirono a riprendere con una telecamera il comportamento del calamaro gigante a novecento metri di profondità. Le immagini mostrarono per la prima volta l’animale durante una scena di caccia, con i tentacoli che venivano scagliati verso la preda emergendo improvvisamente dall’oscurità più totale.

7. Le rotte migratorie

L’avanzare della tecnologia ha consentito agli scienziati di mappare con precisione sempre maggiore le rotte migratorie di moltissime specie di uccelli, che si spostano a seconda della stagione dell’anno. Per milioni di anni, i loro spostamenti erano infatti rimasti avvolti nel mistero.

6. Le leggi di Mendel

Fu il monaco boemo Gregor Mendel che nel diciannovesimo secolo dimostrò che le caratteristiche degli animali venivano trasmesse geneticamente da una generazione all’altra. Con i suoi esperimenti sulla fecondazione artificiale delle piante, Mendel dedusse che l’ereditarietà era un fenomeno dovuto ad agenti specifici trasmessi dai genitori, al contrario di quanto creduto all’epoca, ponendo le basi per la successiva ricerca sulla genetica.

1 2 Pagina successiva »

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.