• Mondo
  • giovedì 4 Novembre 2010

Cosa è successo stamattina al volo Qantas

Un motore dell'A380, il "gigante dei cieli", si è sgretolato in volo costringendo i piloti a un atterraggio di emergenza

L’Airbus A380 è il più grande aereo di linea del mondo, viene utilizzato per il trasporto dei passeggeri dal 2007 e oggi ha dovuto compiere un atterraggio di emergenza a causa di un’avaria a un motore. Il volo della Qantas era partito regolarmente da Singapore questa mattina diretto verso Sydney, ma mentre sorvolava la parte occidentale dell’Indonesia uno dei quattro motori si è spento e sgretolato in parte, costringendo i piloti a fare ritorno verso Singapore, dove l’aeroplano è atterrato senza problemi alle 11:45.

Sulla pista dell’aeroporto i mezzi di soccorso hanno provveduto a evitare pericolosi principi d’incendio e a far evacuare l’aereo che ospitava 433 passeggeri e 26 membri dell’equipaggio. Il motore che ha smesso di funzionare è quello esterno dell’ala sinistra e presenta danni molto evidenti. Parte dell’involucro del motore si è sgretolata in volo e i detriti sono precipitati sull’isola indonesiana di Batam senza causare feriti. Gli abitanti dell’isola hanno raccolto alcuni rottami sui quali erano dipinti i colori della compagnia aerea e hanno dato l’allarme, pensando fosse precipitato un volo di linea.

Stando alle prime testimonianze dei passeggeri, pochi minuti dopo il decollo a bordo si è sentita una forte esplosione. Il forte rumore era dovuto alla “rottura” del motore che ha portato alcuni elementi che lo costituiscono a separarsi e staccarsi dalla turbina. Si tratta di un evento raro, poiché di solito l’avaria dei motori è dovuta alla rottura di componenti interni che restano comunque attaccati al motore. Per gli esperti di sicurezza del volo, gli occupanti dell’aeroplano sono stati fortunati: i detriti avrebbero potuto colpire altre parti dell’aereo danneggiandone seriamente la struttura.

Si tratta del primo incidente di questo tipo per l’A380, il «gigante dei cieli» che può arrivare a ospitare fino a 800 passeggeri. Al momento esistono 37 aeroplani di questo modello e sono utilizzati dalle compagnie aeree Air France, Emirates, Lufthansa, Singapore e Qantas. La compagnia australiana ha deciso di sospendere tutti i voli che utilizzano i suoi sei A380 in attesa di un rapporto dettagliato da parte della società produttrice, l’europea Airbus, su quanto accaduto e sull’effettiva sicurezza dell’aeroplano.

I quattro motori dell’A380 sono prodotti da Rolls-Royce e fino a ora non avevano dato alcun problema. Gli A380 hanno portato a termine più di 21mila voli nel corso degli ultimi tre anni. Alcuni problemi tecnici erano già stati riscontrati, ma avevano interessato il sistema di alimentazione del carburante e un problema al sistema frenante dell’aeroplano. Il 31 marzo scorso i freni di un A380 della Qantas si incepparono durante la fase di atterraggio a Sydney, portando due copertoni del carrello a surriscaldarsi fino a disintegrarsi.

Leggenda vuole che la Qantas sia la compagnia aerea più sicura al mondo. La voce si è diffusa molto in seguito al fin Rain Man – L’uomo della pioggia del 1988 diretto da Barry Levinson e interpretato da Tom Cruise e Dustin Hoffman. In una scena del film, i due devono prendere un aeroplano per raggiungere rapidamente Los Angeles. Ray (Hoffman) è affetto da autismo e ha paura di volare, così tra le opzioni offerte dal fratello Charlie (Cruise) sceglie di salire su un aereo, ma a patto che sia gestito dalla Qantas che non è «mai cascata».

In realtà la compagnia aerea australiana ha avuto numerosi incidenti nella sua storia anche a causa del periodo bellico della Seconda guerra mondiale. Nel secondo dopoguerra la Qantas ha perso due aerei causando complessivamente la morte di 17 persone. Nel 1951 un suo trimotore precipitò al largo delle coste della Nuova Guinea e l’incidente causò la morte dei sette passeggeri. L’ultimo incidente noto risale all’ottobre del 2008, quando un forte vuoto d’aria causò numerosi feriti a bordo di un volo da Singapore a Perth.