• Italia
  • mercoledì 13 Ottobre 2010

Chi non paga le tasse in Italia

Uno su tre di quelli che fanno grosse consulenze, e molti altri ancora, spiega un nuovo rapporto della Finanza

Il Sole 24 Ore racconta oggi il nuovo rapporto della Guardia di Finanza sull’evasione fiscale in Italia. E non è un bel leggere.

Tra i professionisti che hanno percepito consulenze da oltre 100mila euro, uno su tre le ha nascoste al fisco. E negli ultimi due anni non ha presentato la dichiarazione dei redditi andando a rinforzare le fila degli evasori totali. È quanto emerge da un’analisi mirata condotta dai nuclei speciali della Guardia di finanza sul mondo dei lavoratori autonomi.
I dati, come sottolinea il comandante del Nucleo speciale entrate, Flavio Aniello, sono sbalorditivi «e siamo convinti che si tratti solo della punta dell’iceberg di un fenomeno rilevante di sottrazione di materia imponibile». Lo stupore delle Fiamme Gialle, poi, sta proprio nel fatto che l’evasione fatta emergere da una prima campionatura sia di quelle che non richiede particolari e sofisticati comportamenti per celarsi al fisco. Quasi a voler sfidare i “controllori” sulla loro capacità di far emergere i compensi percepiti nell’esercizio della propria attività professionale. «Ma si sbagliano e di grosso. Per noi – spiega Aniello – si tratta di dati incofutabili e ormai a sistema nelle banche dati dell’amministrazione finanziaria».
Le Fiamme Gialle, infatti, hanno fatto ricorso al contrasto di interesse tra sostituti di imposta e contribuenti “sostituiti”. In sostanza le Fiamme Gialle hanno incrociato i dati comunicati con i modelli 770 da società, organizzazioni di categoria o amministrazioni pubbliche relativi ai compensi erogati negli ultimi anni, con quelli delle dichiarazioni presentate o, meglio, che avrebbero dovuto presentare i soggetti indicati nei 770 come percettori di prestazioni professionali o occasionali.

(continua a leggere sul sito del Sole 24 Ore)