Telecom Italia e Mondadori insieme per gli ebook

Le due società presentano oggi la loro offerta per i libri in formato elettronico con uno store online e nuovi reader

Telecom Italia e Mondadori annunceranno oggi alla Fiera internazionale del libro di Francoforte un nuovo accordo commerciale per la vendita e la distribuzione dei libri in formato elettronico in Italia. L’operatore telefonico metterà a disposizione una serie di dispositivi per la lettura degli ebook, mentre l’editore offrirà parte del proprio catalogo. Come spiega oggi sulla Stampa Mario Baudino, la novità non è stata accolta molto positivamente dagli altri editori, che si stanno dando da fare per offrire i loro libri in formato elettronico.

Oggi sposi. Telecom Italia e Mondadori annunciano alla Fiera internazionale del libro un accordo che rappresenterà il passo decisivo, l’ingresso ufficiale dell’e-book sul mercato italiano, il Natale del libro elettronico. I contenuti della conferenza stampa sono ovviamente blindatissimi, ma tra gli altri editori italiani già serpeggia il malumore. Anche qualcosa di più: forse i venti di guerra al gruppo di Segrate che si erano già levati durante il Salone del libro con la raccolta di firme contro la cosiddetta «legge bavaglio» sulla pubblicazione degli atti giudiziari, e la richiesta al gruppo editoriale della famiglia Berlusconi di sottoscrivere la petizione.

Allora fu respinta al mittente. Oggi il punto del contendere è complicato da considerazioni tecniche, ma la sostanza è semplice. La Telecom ha pronta una libreria elettronica, per mettere in commercio gli e-book di qualsiasi editore. Inoltre per le feste di Natale lancerà una serie di e-reader, l’apparecchio con cui si possono scaricare e quindi leggere i testi. È lo strumento indispensabile perché nasca un mercato italiano, visto che con i Kindle di Amazon o l’iPad della Apple si possono avere al momento solo libri venduti in America. Ed è molto probabile che l’e-reader italiano avrà un gran successo nella stagione dei regali. Gli editori dal canto loro sono tutti pronti, con un ricco catalogo, a entrare anche loro nel grande negozio virtuale, oltre che nelle librerie di catena e in quelle on-line. Rcs, Gems e Feltrinelli, che hanno già pronta una «piattaforma» comune con la sigla Edigita, rappresentano in questa trattativa un unico interlocutore. L’altro era – ed è – Mondadori, che però taglia il traguardo per prima, e per prima oggi darà l’annuncio con Telecom.

(continua a leggere sul sito della Stampa)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.