• Media
  • mercoledì 6 ottobre 2010

Abbracciate il lato chiaro della Forza

Howard Kurtz, celebre e illustre media editor del Washington Post, passa a Daily Beast

"Dopo una vita passata a lavorare per i giornali di carta, sono pronto per la sfida del giornalismo online"

Howard Kurtz, illustre giornalista del Washington Post, ha lasciato il quotidiano statunitense dopo vent’anni per andare a lavorare al sito di notizie Daily Beast. Kurtz è considerato il più autorevole commentatore statunitense delle vicende che hanno a che fare con i mezzi di informazione e l’editoria: conduce un programma televisivo sulla CNN e scriveva settimanalmente un editoriale per il Washington Post, di cui era media editor.

La decisione di Kurtz arriva in quella che, com’è noto, è una fase di grande riflessione e preoccupazione riguardo la condizione della stampa cartacea e il suo futuro a fronte delle evoluzioni dell’informazione online. E non è uno spericolato pioniere, visto che altri prima di lui – a cominciare dallo stesso direttore di Daily Beast, Tina Brown, già direttore di Vanity Fair – hanno fatto lo stesso percorso: dalla carta a Internet. Poi ci sono quelli che hanno fatto il percorso inverso: blogger e giornalisti della rete che sono stati assunti in grande aziende editoriali note soprattutto per l’informazione su carta. Sono i casi, tra gli altri, di Nate Silver, blogger esperto di sondaggi e statistica assunto recentemente dal New York Times, e quello di Ezra Klein, blogger politico oggi pubblicato dal Washington Post.

Kurtz ha spiegato che “il Washington Post rimane un quotidiano fantastico, ma sta cercando di fare sempre più cose con sempre meno risorse, e ne risente l’atmosfera generale”. A Daily Beast, Kurtz dirigerà il servizio politico da Washington e continuerà a scrivere di editoria e media. “Dopo una vita passata a lavorare per i giornali di carta, sono pronto per la sfida del frenetico giornalismo online”. Letta dall’Italia è una frase che fa un certo effetto, se si ha memoria del recente dibattito sul Corriere della Sera e la reticenza dei giornalisti abituati a lavorare su carta ad adattarsi a un lavoro più faticoso e impegnativo come quello svolto online.

Daily Beast è uno dei siti di informazione online più popolari e influenti degli Stati Uniti. Proprio oggi compie due anni di vita: ogni mese attira 4,5 milioni di visitatori unici per un totale di cinquanta milioni di pagine viste. Quest’anno Time lo ha citato tra i cinque più importanti siti di informazione online, in Italia dal mese scorso i suoi articoli sono pubblicati dall’Unità. La notizia del passaggio di Howard Kurtz a Daily Beast dal Washington Post ha rimesso in giro le voci su una possibile fusione tra Daily Beast e Newsweek, lo storico settimanale venduto recentemente proprio dal Washington Post al milionario Sidney Harman. Kurtz ha detto che non sa nulla di questo supposto progetto di fusione e che comunque la cosa non ha influito sulla sua decisione.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.