• Mondo
  • martedì 11 Maggio 2010

All’ora del tè

Cameron è il nuovo primo ministro britannico, Clegg dovrebbe essere il suo vice

Gordon Brown si dimette dall'incarico di primo ministro

21.37: Confermato: David Cameron è il nuovo primo ministro britannico.

21,30: Sky dice che David Cameron è stato nominato primo ministro.

21.28: a Downing Street intanto sistemano nuovamente il microfono, per il primo discorso del nuovo primo ministro.

21.18: smentita intanto la voce che voleva Brown intenzionato a dimettersi anche da parlamentare.

21,16: David Cameron è a Buckingham Palace.

21,08: nel sistema elettorale britannico la carica di leader del partito di maggioranza e quella di primo ministro vanno di pari passo: venuta meno l’una viene meno anche l’altra. Quindi dimettendosi da premier Brown si è dimesso anche da leader del Labour, e la sua vice Harriet Harman – chi è lo abbiamo spiegato qui – è diventata il segretario reggente.

20,57: David Cameron, 43 anni, si avvia a essere il più giovane primo ministro britannico dal 1812

20,49: Gordon Brown è arrivato nella sede del partito laburista, accolto da grandi applausi dei suoi sostenitori

20,47: la BBC scrive che dopo l’incontro con la regina Brown si dirigerà al quartier generale del Labour, dove discuterà delle sue dimissioni da membro del parlamento (cosa che renderà necessaria un’elezione suppletiva nel suo collegio)

20,45: Sky continua a ripetere che Clegg sarà vicepremier, già stasera dovremmo avere alcuni dettagli certi sull’accordo.

20,39: la regina vedrà Cameron subito dopo la fine dell’incontro con Brown, e uscirà da Buckingham Palace da primo ministro.

20,26: come da protocollo, dopo la dichiarazione Brown non è rientrato a Downing Street ma si è incamminato verso Buckingham Palace insieme alla sua famiglia. Lì rimetterà il suo mandato nelle mani della regina, che incontrerà David Cameron tra stasera e domattina. 

20,21: finito, Brown si è dimesso, molto di fretta, ringraziando tutti e ricordando i soldati morti e il dolore delle loro famiglie

20,20: dimissioni, “immediately”

20,18: parla Gordon Brown

20,16: partecipa alla diretta su FriendFeed del Post

20,10: la diretta video della BBC qui

20,07: fuori da Downing Street stanno preparando il consueto leggìo in mezzo alla strada

19,47: la BBC annuncia un annuncio tra venti minuti.

19,43: molti report su Gordon Brown nel suo ufficio a Downing Street che passa il tempo scherzando allegramente col suo staff

19,36: nell’attesa, il Guardian si lambicca sui 1000 nuovi iscritti al Labour annunciati dal partito su Twitter: è perché sanno che se ne va Gordon Brown, o per votare per il successore?

19,12: secondo alcune fonti consultate da Jon Craig (Sky News), LibDem e Tories starebbero mettendo a punto un accordo su base triennale per una coalizione.

18,53: i LibDem si riuniranno alle 21,30 italiane, dice la BBC.

Aggiornamento delle 18,47: secondo il Guardian LibDem e Tories stanno trattando da tre ore e mezza. Si parla di una coalizione per due anni. A seconda dei tempi di un eventuale annuncio di accordo, si capiranno anche quelli delle dimissioni di Brown. Anche per la BBC un annuncio dovrebbe arrivare stasera, ma non si sa quando esattamente.

Le trattative per la formazione del nuovo governo britannico sono in fasi convulsissime. Le ultime, alle 18,20 ora italiana, sono le seguenti:

– tra LibDem e Labour non si è cavato un ragno dal buco. Riferisce la BBC che “il dialogo è chiuso”
– secondo il giornalista e commentatore politico George Pascoe-Watson, che lo ha scritto su Twitter, circola voce che Clegg e Cameron si starebbero accordando per sei ministri ai LibDem e il posto di vice primo ministro a Clegg
– l’americana CNBC dice che l’accordo è fatto e un annuncio è imminente.
– Brown starebbe per dimettersi, secondo molte voci, ma lo si dice ormai da ieri. Un portavoce ha appena smentito che lo abbia già fatto

Intanto, il Guardian ha un’affascinante ricostruzione delle rivendicazioni di Clegg, creata a partire da un appunto fotografato nelle mani del leader dei Liberaldemocratici.