• Mondo
  • mercoledì 28 Aprile 2010

La Cattedrale dei Rottami

Per oltre vent'anni Hannemann ha accatastato ferraglia. Ora è diventata un attrazione per turisti

I cittadini sono divisi: qualcuno la considera un orgoglio della città, qualcuno vuole abbatterla

Nel 1989 ad Austin, la capitale del Texas, Vince Hannemann iniziò ad accatastare insieme carrelli della spesa, borchie d’automobili e altra ferraglia ingombrante. Col tempo quel mucchio è diventato una torre, a cui è stata aggiunta un’arcata e infine dei muri. Oggi, dopo 60 tonnellate di oggetti da buttare, quel mucchio di rottami è diventato qualcosa che Hannemann e gli abitanti della città chiamano la “Cattedrale dei Rottami”. La costruzione, racconta il Wall Street Journal, attira migliaia di turisti all’anno, ed è stata inserita nel programma della mostra d’arte lanciata dalla città.

Dopo i primi anni di costruzione, i cittadini iniziarono a prendere parte al progetto, contribuendo con vecchi televisori, pneumatici bucati e più o meno gran parte della roba che avrebbero portato in una discarica. Col tempo la cattedrale è diventata un orgoglio di Austin, una città portata a questo genere di fenomeni, profondamente creativa, rifugio di artisti scapigliati alla ricerca di affitti economici. I visitatori sono aumentati sempre di più, e la cattedrale è stata usata per feste e addirittura matrimoni, sempre gratuitamente.

Ma negli ultimi anni le cose stanno cambiando. La città, come succede a molti luoghi artisticamente vivi, è diventata una meta ambita e l’amministrazione non vuole lasciarsi sfuggire l’occasione. I prezzi degli appartamenti stanno salendo nel tentativo di sostituire i vecchi inquilini con nuovi e più facoltosi investitori. Austin sta cercando di trovare un buon equilibrio tra il vecchio e il nuovo, e in questa fase di rimodernizzazione la creazione di Hannemann rischia di saltare.

Le lamentele da parte dei cittadini, vicini e non solo, stanno aumentando. Accusano la cattedrale di violare le norme di sicurezza, sia per l’instabilità della struttura, sia per il groviglio di cavi e oggetti elettrici ed elettronici potenzialmente pericolosi. Se Hannemann non riuscirà a ottenere i permessi edilizi dalla città sarà costretto ad abbatterla.

Ma Hannemann, che sulle nocche ha tatuata la scritta “Junk King” (Il re dei rottami), non è il solo a combattere per la salvezza della cattedrale. Molti dei suoi fan hanno iniziato a lavorare per salvaguardarla, rimuovendo i cavi più pericolosi e circa 4 tonnellate di rottami che sporgevano oltre la recinzione. È nato un gruppo chiamato “Save the Junk” (Salva i rottami) e un architetto si è offerto di preparare il piano che Hannemann proporrà per la regolamentazione.

Per ora, l’amministrazione ha solo chiesto a Hannemann di non far entrare nessuno nella cattedrale fin quando un ingegnere non accerterà la stabilità dell’edifico. I cittadini sono divisi: c’è chi considera la costruzione arte, chi un semplice ammasso di rottami. Se anche voi volete prendere posizione, il video qua sotto aiuterà.