• Media
  • venerdì 26 marzo 2010

Mark Porter lascia il Guardian

"Sono stato qui troppo a lungo e comincio a sentire di aver fatto tutto, e anche più di una volta"

Nel 2009 ha curato il redesign di Internazionale

Chiedete in giro qual è il più bel quotidiano degli ultimi anni. Chiedete in giro qual è il miglior sito di quotidiano degli ultimi anni. Alla fine gli addetti ai lavori vi daranno la stessa risposta a entrambe le domande (salvo quelli che vi citeranno un tabloid danese che sanno solo loro, o un sito del New Hampshire): il Guardian, il sito del Guardian.
A occuparsene, a disegnarli, a curarne la grafica dal 1996, è stato Mark Porter, designer scozzese di Aberdeen che ha appena compiuto cinquant’anni. Nel 2005 si inventò l’attuale aspetto del quotidiano londinese, che divenne da allora standard e riferimento per il design dei giornali di tutto il mondo.

Sono stato qui troppo a lungo e comincio a sentire di aver fatto tutto, e anche più di una volta. Quindi è ora di andare. Vi farò sapere presto i miei progetti.

Porter ha annunciato oggi sul suo blog la sua partenza dal Guardian, su cui occasionalmente scrive anche di design. Proprio stamattina sul quotidiano aveva commentato criticamente i manifesti elettorali del Labour. La notizia su di lui è riportata invece in un’altra parte del giornale, in un articolo dedicato a diversi cambiamenti nelle responsabilità di redazione: vi si dice che Porter continuerà a collaborare e si occuperà del design sul mobile (il Guardian ha già un’applicazione per iPhone).

In Italia Porter collabora con Internazionale, di cui ha curato il redesign grafico dello scorso ottobre.


Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.