24 notizie false del 2014

Anche le cose che abbiamo letto in prima pagina e non erano vere sono un pezzo dell'anno che è passato

Sul rapporto che abbiamo con le notizie false che leggiamo sui giornali e sui siti di news abbiamo scritto un anno fa. Sull’alibi “colpa di internet” che molti media tradizionali – i quali sono a loro volta i maggiori produttori di news su internet – si danno, abbiamo scritto spesso: molte notizie false nascono dentro i grandi giornali, altre nascono altrove e diventano note e credute quando le pubblicano i giornali che non fanno le verifiche adeguate.

La novità forse è che cominciamo ad abituarci sempre più a ritenere quello che leggiamo come “notizie” una cosa diversa dalla realtà: sono cose che leggiamo, come se leggessimo una storia o giocassimo a un videogioco, e che corrispondano a qualcosa di vero non è scontato, e spesso nemmeno importa. Ne parliamo e le condividiamo perché ci colpiscono o ci fanno ridere, e confondiamo realtà e invenzione con indifferenza. Oppure cerchiamo di distinguere a partire dal nostro rapporto di fiducia con certe fonti, o dal nostro senso d’orientamento che ci mette in sospetto rispetto a determinati tipi di notizie.

Secondo il Washington Post, poi, il 2014 è stato l’anno della professionalizzazione delle notizie false: quello in cui l’uso di notizie false da far trasmettere ai media considerati attendibili è diventato un’attività estesa e sistematica. Lo dimostrano alcune delle notizie false che hanno diffuso i grandi media anche in Italia, che sono state create proprio per ragioni di pubblicità, e nei grandi media nessuno ha verificato a sufficienza (la maggior parte di queste sono online tutt’ora, le schermate che vedete sono state raccolte in questi giorni: e riguardano solo notizie uscite su grandi testate giornalistiche longeve e molto diffuse, non “bufale di internet”).
E molte di queste, vedrete, vi accorgerete che pensavate tuttora che fossero vere: perché nessuno ci avvisa, e le smentite – quando ci sono, raramente – non hanno mai lo stesso spazio delle notizie false. Però ogni volta diventiamo più sospettosi, che è un bene, ed è un male.

p.s. certo, non sono 24. Sono 23. È un vecchio trucco.

Mostra commenti ( )