l’infinito

L’infinito

«Così tra questa immensità s’annega il pensier mio: e il naufragar m’è dolce in questo mare» (Giacomo Leopardi, L’infinito, da I Canti, 1818-1821)