Carver

All’età di 19 anni mi capitò di vedere un programma su Rai3 in tarda serata che si chiamava Totem. In quella puntata Alessandro Baricco leggeva Cattedrale, racconto breve di Raymond Carver: quello fu il mio primo contatto con il grande scrittore americano. Il giorno dopo acquistai Cattedrale di Garzanti e successivamente tutte le edizioni di Carver edite da Minumum Fax, che proprio Carver mi aiutò a scoprire. Mi iscrissi anche a dei corsi serali di scrittura creativa alla scuola Holden di Torino sperando di poter imparare a scrivere, il risultato fu invece che capii con certezza che non ci sarei mai riuscito. Successivamente ho compreso che il mio mezzo per comunicare doveva essere il disegno. Oggi mi piace pensare che leggendo e amando le sue storie ho un po’ imparato a raccontare le mie.

A febbraio di quest’anno ricevetti una email da Einaudi con oggetto “Carver”. La casa editrice torinese mi proponeva di realizzare la “uniform edition” di tutti i suoi romanzi. Spesso mi è stato chiesto quale copertina di quale scrittore mi sarebbe piaciuto illustrare e Carver è sempre stato uno tra quelli, probabilmente il primo in assoluto. Per cui il progetto era uno di quelli in cui vuoi a tutti i costi dare qualcosa di più, in parte o soprattutto per riconoscenza al grande scrittore. Alla fine invece di procedere al solito modo, lavorando prima su una serie di schizzi per ogni copertina, ho deciso di realizzare 16 illustrazioni definitive a colori dalle quali sono state poi scelte le otto copertine più adatte. Un procedimento dispendioso in termini di tempo, ma che mi ha dato modo di pensare a Carver e al suo lavoro in maniera più completa.

Inizialmente ho lavorato su racconti specifici che davano il titolo alla raccolta di ogni libro, poi invece – dato che il risultato non era ottimale – abbiamo deciso con la redazione di lavorare liberamente, per cui ho provato a pescare con la memoria le suggestioni che i racconti di Carver mi hanno dato nel corso del tempo. Qui sotto ci sono le prime quattro copertine uscite a ottobre di quest’anno: Cattedrale, Principianti, Da dove sto chiamando, Se hai bisogno chiama. La grafica di copertina è di Fabrizio Farina. L’art direction di Monica Aldi.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.