X Factor

Di molte cose si possono accusare i vigili urbani romani, ma di essere troppo severi proprio no, e di esserlo nei confronti delle auto blu lascia francamente sbalorditi. L’on. Giuseppe Consolo ha rilasciato questa dichiarazione:

«Ogni giorno – dice Consolo – a noi parlamentari vengono inviate notifiche di violazioni del Codice della strada». Per Consolo non si tratta di una «svista», ma di un «atteggiamento pretestuoso da parte degli uffici competenti del Comune», visto che, sottolinea, «noi parlamentari siamo dotati di contrassegno con la X». Il deputato chiede quindi alla presidenza di Montecitorio di farsi portavoce presso il Comune di Roma «del disagio di noi parlamentari, visto che – aggiunge – veniamo alla Camera per lavorare e non per bighellonare»

Il contrassegno con la X, per chi non lo sapesse, permette semplicemente l’ingresso e la sosta (ovviamente dove consentito) nella zona a traffico limitato. Basta fare una passeggiata in centro, ad esempio di fronte al Senato, per divertirsi a contare auto blu o con contrassegni vari parcheggiate in divieto (o, per praticità, quelle parcheggiate bene). Anche Metilparaben ha ripreso la notizia.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.