Come si scrive una storia Disney

Un’intervista che ho dato a Fumettologica.

Come si scrive una storia per “Topolino”?

“Sembra facile – dice Roberto Gagnor – E invece è un lavoro. Bellissimo e complesso, meticoloso e artigianale, fatto di molte abilità e qualche trucco del mestiere”.

A partire dal 1 marzo, sarà proprio Gagnor, ad oggi uno dei più apprezzati e prolifici sceneggiatori di fumetti disneyani in circolazione, a spiegare il modo in cui affrontare questo lavoro. Scuola Holden gli ha infatti chiesto di tenere cinque lezioni in cui studiare le basi della scrittura a fumetti, lavorando in particolare sui personaggi Disney.

L’obiettivo: scrivere un soggetto e alcune pagine di sceneggiatura che saranno vagliate da Tito Faraci, selezionatore di nuovi talenti per la redazione di “Topolino”.

Per l’occasione, abbiamo chiesto a Roberto Gagnor di anticiparci qualche informazione, di svelarci qualche trucco del mestiere e di raccontarci – in breve – come nasce una storia Disney. Non solo: pubblichiamo in esclusiva qui alcune tavole di una storia oggi in edicola su “Topolino”, sceneggiata da Gagnor e disegnata da Vitale Mangiatordi: “Brigittik e il romantico finale contrastato”.

(Continua a leggere sul sito di Fumettologica)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.