Il francescano volante

La sua gabbia a Osimo. Neanche un trespolo.

La sua gabbia a Osimo. Neanche un trespolo.

San Giuseppe da Copertino (1603-1663), frate e mistico, patrono degli astronauti, amico degli studenti e protettore degli esaminandi

Comporre le classi, in particolare le prime medie, è più un’arte che una scienza. Non ci sono parametri oggettivi, non c’è modo di sapere se quello che stai facendo funzionerà o no. Se tutti si lamentano è un buon segno: se fossero in pochi a lamentarsi probabilmente avresti commesso un’ingiustizia, favorendo qualcuno a scapito di qualcun altro. Se si lamentano tutti almeno sei sicuro di non aver favorito nessuno, il che è già qualcosa.

Una delle difficoltà fondamentali, quando componi le classi, è far vuotare il sacco alle maestre elementari. Esse sanno molto degli elementi che tu devi mescolare in un pastone il più possibile uniforme. Sanno senz’altro distinguere i ragazzi talentuosi e i criminali in erba, e tuttavia neanche sotto tortura ti diranno “Omar Pascià è un ragazzo talentuoso!” o “Livio Barazzutti è un criminale in erba”. Li hanno avuti in custodia per cinque e più anni, e quindi non glieli tocchi, sono i loro bambini. Sono tutti bravissimi. Sono tutti meravigliosi. Al limite, a volte, aggiungeranno espressioni sibilline come “…è da capire”. Per intenderci: se la sua maestra dice che Livio “è da capire”, Livio non è semplicemente da capire. È da guardare a vista per evitare che mangi gli altri bambini, o i loro astucci, o li faccia mangiare agli altri bambini (i loro astucci).

“E Giuseppe?”
“Eh, Giuseppe, Giuseppe… è meraviglioso”.
“Naturale. Ma a parte questo? Morde?”
“No… no… tendenzialmente no”.
“Tendenzialmente”.
“È un ragazzo straordinario, con una sensibilità, una fantasia…”
“Quindi non lo mettiamo in prima G”.
“Ma no, perché?”
“Perché sarebbe il ventesimo straordinario, sensibile e dotato di fantasia. Anzi facciamo così: da qui in poi, mi dici soltanto quando non sono straordinari e sensibili. Se non dici niente do per scontato che sono straordinari e sensibili. C’è il completamento automatico, vedi?”
“Però Giusi non è come gli altri, lui è un po’ di più… come dire…”
“Più sensibile?”
“Insomma va capito“.
“O mio dio. Un altro?”
“Ma no, non in quel senso…”
“Non è un maniaco oppositivo violento, mi vuoi dire”.
“No, tendenzialmente…”
“Tendenzialmente”.
“Anche la neuropsichiatra ci ha confermato che è tutto a posto, non ha niente che…”
“Ehi ehi ehi, ferma, è uno da neuropsichiatria?”
“No, no, assolutamente”.
“Ma qualcuno ce l’ha portato”.
“Noi no, noi non c’entriamo, per noi era solo un ragazzo che…”
“Senti, ne ho altri settanta da piazzare entro sabato, e non è che io voglia sapere vita morte miracoli. Soltanto se graffia o no”.
“Non graffia”.
“Oh, grazie”.
“Però… vola un po’, ecco”.
“Ricevuto, lo mettiamo al piano terra”.

GIU'! PORTATELO GIU'!

GIU’! PORTATELO GIU’!

Giuseppe da Copertino volava. Per un santo è quasi una cosa banale. È un po’ meno banale il modo in cui confratelli e gerarchie reagivano al miracolo: con fastidio. Il francescano volante passò parecchio tempo in gabbia. Dopo aver tanto penato sui libri per riuscire a diventare sacerdote, alla fine gli toccò officiare nella sua cella, da solo. Questa cosa di levitare a ogni menzione della Madonna o di Gesù, o anche solo per aver fissato un’immaginetta santa, dopo un po’ riusciva snervante. Ok, lo abbiamo capito, sei santo, ma adesso vieni giù, comportati come una persona normale. No, niente da fare. Giuseppe non ce la faceva. Guarda che chiamiamo l’Inquisizione!

Per fortuna quella spagnola era impegnata. Si scomodò l’Inquisizione napoletana, forse meno intransigente. Ma chi è questo tizio? Perché non riesce a star fermo? Siamo nel Seicento, è un po’ prestino per diagnosticare un deficit dell’attenzione.
“Non riesce a farci niente. Anche mentre gli parli: un momento è qui che ti ascolta, l’attimo dopo è in orbita”.
“Ha sempre fatto così?”
“Difficile dirlo, ha già cambiato molte classi… volevo dire, molti conventi”.
“Ahi”.
“Copertino (Lecce), Martina Franca, Roma, Assisi, Pietrarubbia, Fossombrone, Osimo…”
“Non riesce a tenerlo nessuno. Nel faldone cosa c’è scritto?”
“Bambino meraviglioso”
“Naturale. E poi?” (continua…)

“Un po’ distratto. I compagni di banco lo chiamavano “Boccaperta”, forse perché a volte si scordava di chiuderla”.
“Sintomatico. E com’è che è diventato sacerdote?”
“Eh, vossignoria lo saprà meglio di me: Dio ci chiama e noi…”
“E noi dobbiamo studiare e passare esami di latino e teologia. Spiegatemi come ha fatto a passarli questo bifolco che non riesce a star fermo sul banco neanche a legarlo”.
“Pare che sia stato un miracolo”.
“Ma guarda”.
“Lui racconta di aver penato molto sui libri, invano”.

La modesta sede della Apple a Cupertino (il nome della località deriva da un fiume che un cartografo spagnolo dedicò a "San José de Cupertino".

La modesta sede della Apple a Cupertino (il nome della località deriva da un fiume che un cartografo spagnolo dedicò a “San José de Cupertino”).

“Sì ma non siamo nell’Ottocento romantico, tutte queste menate sul buon selvaggio che riesce a diventare un buon curato di campagna anche se non gli entra in testa il periodo ipotetico del terzo tipo non le capiamo. Com’è andata davvero questa cosa, spiegate per filo e per segno”.
“Dunque… lui era già stato espulso dal convento di Martina Franca perché rompeva i piatti”.
“I piatti?”
“Non riusciva a lavarli senza romperli. Pare che andasse in estasi anche mentre li sfregava”.
“Ma potrebbe persino essere epilessia. E lo abbiamo fatto prete?”
“No, anzi, i confratelli lo rimandarono a casa coi cocci ancora impigliati al saio. Ma lui a casa non ci poteva stare”.
“E perché no?”
“Orfano di padre debitore. C’è una sentenza del tribunale supremo di Napoli che in pratica lo obbliga a lavorare finché non avrà saldato il debito del padre. L’unico modo di scamparla…”
“Era farsi frate”.
“Quelli della Grottella si impietosiscono e lo riprendono. Ma siccome in cucina proprio non ci può stare, pensano bene di farlo studiare”.
“Meglio che rompa i libri che le scodelle, avranno pensato”.
“Dopo tre anni passa a fare l’esame il vescovo in persona”.
“Com’è andata?”
“Un miracolo. Sono tutti preparatissimi tranne Giuseppe. Il vescovo interroga i primi tre. Sanno tutto. Va bene, dice, si vede che siete una classe che studia. E se ne va”.
“Questo è il miracolo?”
“Così lo raccontano”.
“Le scuole migliori del mondo, abbiamo”.
“E infatti produciamo santi che il mondo ci invidia. Ma adesso che si fa?”
“Che si fa. Che si fa. È una parola”.
“Vossignoria, non è un modo di dire, siete l’Inquisizione. Se lo volete bruciare, dite solo una parola e appena viene giù lo mettiamo sulla pira”.
“Ma come si fa… cioè, a parte volare, ha mai fatto qualcosa di male? Morde?”
“Lui? No, macché… è buono come il pane”.
“Predica al volgo? Non vorrei che mettesse in giro qualche fesseria sediziosa o rivoluzionaria, non sarebbe nemmeno il primo”.
“No, no, è tranquillo. Parla agli animali”.
“Ah, meno male. Mi piacciono quelli che parlano con gli animali”.
“In effetti fanno molto meno casino”.
“È proprio una pratica da incoraggiare, l’animaloterapia. Stiamo riscrivendo anche la storia del vostro fondatore in tal senso”.
“Francesco?”
“Gli facciamo parlare un sacco con gli animali, così dà l’esempio”.
“Tornando a Giuseppe…”
“Massì, che ci volete fare, è solo un poveretto che non riesce a star fermo in un posto. Mettetelo in una cella col soffitto non troppo basso e abbiate cura che non dica o faccia troppe scempiaggini. Al limite quando muore lo facciamo santo”.
“Lui i soffitti proprio non li sopporta. Ci picchia contro, si fa male”.
“E che vi devo dire. Siamo nel Seicento, non ci sarà ritalin in circolazione per quasi tre secoli, che altro dovremmo fare? Lo incateniamo?”
“E se lo lasciassimo libero?”
“Libero di fare che?”
“Di volare dove vuole”.
“Ma non dite fesserie, siamo l’Inquisizione noi. La gente non vola”.
“Infatti è un miracolo”.
“Proprio per questo deve restare una cosa rara. Un poveretto che vola è un miracolo. Un popolo di poveretti che volano è l’anarchia”.
“Uff”.
“Non è contento”.
“In coscienza, mica tanto”.
“Meglio così, se vi lamentate in tanti è segno che facciamo un buon lavoro”.
“Questa cosa di scontentare più gente possibile non l’ho capita tanto”.
“Capirà, capirà, se resta a terra prima o poi capisce tutto”.