Il francescano volante

“Un po’ distratto. I compagni di banco lo chiamavano “Boccaperta”, forse perché a volte si scordava di chiuderla”.
“Sintomatico. E com’è che è diventato sacerdote?”
“Eh, vossignoria lo saprà meglio di me: Dio ci chiama e noi…”
“E noi dobbiamo studiare e passare esami di latino e teologia. Spiegatemi come ha fatto a passarli questo bifolco che non riesce a star fermo sul banco neanche a legarlo”.
“Pare che sia stato un miracolo”.
“Ma guarda”.
“Lui racconta di aver penato molto sui libri, invano”.

La modesta sede della Apple a Cupertino (il nome della località deriva da un fiume che un cartografo spagnolo dedicò a "San José de Cupertino".

La modesta sede della Apple a Cupertino (il nome della località deriva da un fiume che un cartografo spagnolo dedicò a “San José de Cupertino”).

“Sì ma non siamo nell’Ottocento romantico, tutte queste menate sul buon selvaggio che riesce a diventare un buon curato di campagna anche se non gli entra in testa il periodo ipotetico del terzo tipo non le capiamo. Com’è andata davvero questa cosa, spiegate per filo e per segno”.
“Dunque… lui era già stato espulso dal convento di Martina Franca perché rompeva i piatti”.
“I piatti?”
“Non riusciva a lavarli senza romperli. Pare che andasse in estasi anche mentre li sfregava”.
“Ma potrebbe persino essere epilessia. E lo abbiamo fatto prete?”
“No, anzi, i confratelli lo rimandarono a casa coi cocci ancora impigliati al saio. Ma lui a casa non ci poteva stare”.
“E perché no?”
“Orfano di padre debitore. C’è una sentenza del tribunale supremo di Napoli che in pratica lo obbliga a lavorare finché non avrà saldato il debito del padre. L’unico modo di scamparla…”
“Era farsi frate”.
“Quelli della Grottella si impietosiscono e lo riprendono. Ma siccome in cucina proprio non ci può stare, pensano bene di farlo studiare”.
“Meglio che rompa i libri che le scodelle, avranno pensato”.
“Dopo tre anni passa a fare l’esame il vescovo in persona”.
“Com’è andata?”
“Un miracolo. Sono tutti preparatissimi tranne Giuseppe. Il vescovo interroga i primi tre. Sanno tutto. Va bene, dice, si vede che siete una classe che studia. E se ne va”.
“Questo è il miracolo?”
“Così lo raccontano”.
“Le scuole migliori del mondo, abbiamo”.
“E infatti produciamo santi che il mondo ci invidia. Ma adesso che si fa?”
“Che si fa. Che si fa. È una parola”.
“Vossignoria, non è un modo di dire, siete l’Inquisizione. Se lo volete bruciare, dite solo una parola e appena viene giù lo mettiamo sulla pira”.
“Ma come si fa… cioè, a parte volare, ha mai fatto qualcosa di male? Morde?”
“Lui? No, macché… è buono come il pane”.
“Predica al volgo? Non vorrei che mettesse in giro qualche fesseria sediziosa o rivoluzionaria, non sarebbe nemmeno il primo”.
“No, no, è tranquillo. Parla agli animali”.
“Ah, meno male. Mi piacciono quelli che parlano con gli animali”.
“In effetti fanno molto meno casino”.
“È proprio una pratica da incoraggiare, l’animaloterapia. Stiamo riscrivendo anche la storia del vostro fondatore in tal senso”.
“Francesco?”
“Gli facciamo parlare un sacco con gli animali, così dà l’esempio”.
“Tornando a Giuseppe…”
“Massì, che ci volete fare, è solo un poveretto che non riesce a star fermo in un posto. Mettetelo in una cella col soffitto non troppo basso e abbiate cura che non dica o faccia troppe scempiaggini. Al limite quando muore lo facciamo santo”.
“Lui i soffitti proprio non li sopporta. Ci picchia contro, si fa male”.
“E che vi devo dire. Siamo nel Seicento, non ci sarà ritalin in circolazione per quasi tre secoli, che altro dovremmo fare? Lo incateniamo?”
“E se lo lasciassimo libero?”
“Libero di fare che?”
“Di volare dove vuole”.
“Ma non dite fesserie, siamo l’Inquisizione noi. La gente non vola”.
“Infatti è un miracolo”.
“Proprio per questo deve restare una cosa rara. Un poveretto che vola è un miracolo. Un popolo di poveretti che volano è l’anarchia”.
“Uff”.
“Non è contento”.
“In coscienza, mica tanto”.
“Meglio così, se vi lamentate in tanti è segno che facciamo un buon lavoro”.
“Questa cosa di scontentare più gente possibile non l’ho capita tanto”.
“Capirà, capirà, se resta a terra prima o poi capisce tutto”.

« Pagina precedente 1 2