Il trailer dello speciale conclusivo di “Sense8”

Il trailer dello speciale conclusivo di “Sense8”

Netflix ha messo online il trailer dello speciale conclusivo di Sense8, la serie tv fantascientifica scritta e diretta dalle sorelle Lana e Lilly Wachowski – le registe di Matrix – e da J. Michael Straczynski. Netflix aveva deciso di cancellare la serie, i fan (non così tanti, se Netflix aveva deciso di cancellarla) si erano lamentati e Netflix aveva quindi deciso di fare un ultimo episodio speciale per dare una chiusura alle vicende.

Sense8 racconta la storia di otto persone che non si conoscono e vivono in diverse parti del mondo – Stati Uniti, Messico, Germania, Regno Unito, Kenya, India e Corea del Sud – e scoprono di essere interconnesse a livello emotivo e sensoriale: possono comunicare telepaticamente e condividere le stesse sensazioni. L’episodio speciale si potrà vedere dall’8 giugno.

Il British Museum esporrà gli scarpini di Mohamed Salah

Il British Museum esporrà gli scarpini di Mohamed Salah

Il British Museum di Londra, uno dei più grandi ed importanti musei al mondo, ha annunciato che esporrà gli scarpini del calciatore egiziano del Liverpool Mohamed Salah. Gli scarpini saranno in mostra insieme ai reperti egizi del museo in vista della finale di Champions League del 26 maggio, in cui giocheranno il Liverpool e il Real Madrid. «Gli scarpini – ha detto il curatore del dipartimento del museo dedicato all’Antico Egitto – raccontano la storia di un’icona dell’Egitto di oggi, che gioca nel Regno Unito e con un impatto in tutto il mondo, e rafforzano il nostro recente progetto di acquisire oggetti che raccontano la storia della vita di tutti i giorni nell’Egitto del 20esimo e 21esimo secolo».

Questa copertina del National Geographic è ottima per ricordarci che produciamo troppa plastica

Questa copertina del National Geographic è ottima per ricordarci che produciamo troppa plastica

La copertina di giugno dell’edizione statunitense della rivista National Geographic è dedicata alla grande quantità di plastica prodotta e immessa nell’ambiente ogni anno, uno dei più gravi problemi legati all’inquinamento del pianeta. Mostra un sacchetto di plastica immerso nell’acqua, la cui forma in superficie ricorda quella di un iceberg. La scritta “Pianeta o plastica?” è accompagnata da una didascalia piuttosto chiara: “8 miliardi di tonnellate di plastica finiscono negli oceani ogni anno. E questa è solo la punta dell’iceberg”.

L’elaborazione grafica è di Jorge Gamboa, sulla base di una sua illustrazione realizzata in precedenza e usata già in altre occasioni.

Nuovo Flash