A Pompei è stato trovato un carro da parata, quasi integro

A Pompei è stato trovato un carro da parata, quasi integro

A Pompei è stato trovato un carro da parata, emerso quasi «integro dallo scavo della villa suburbana in località Civita Giuliana, oltre le mura della città antica», si spiega sull’account ufficiale del Parco Archeologico.
Il carro cerimoniale, a quattro ruote, ha elementi in ferro e decorazioni in bronzo e stagno. Sono state ritrovate anche le parti in legno (i resti lignei si sono mineralizzati) e si possono osservare le impronte degli elementi organici (corde e resti di decorazioni vegetali). È stato trovato in ottimo stato di conservazione nel porticato della stalla dove nel 2018 erano stati scoperti i resti di tre cavalli.

Il carro può probabilmente essere identificato come un “pilentum”, un veicolo utilizzato dalle elite in contesti cerimoniali. Lo spazio di seduta del carro è dotato di braccioli e schienale (trasportava probabilmente una o due persone). È riccamente decorato su entrambi i lati da lastre di bronzo incise e pannelli di legno dipinti. Sulla parte posteriore, invece, ci sono tre medaglioni in bronzo su cui sono raffigurate scene erotiche, con personaggi maschili e femminili. Anche le borchie sono decorate con “eroti” (o amori, o amorini: figure associate all’amore e alla sessualità). Non si esclude che potesse trattarsi di un carro usato per rituali legati al matrimonio, o per accompagnare la sposa alla sua nuova casa.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Pompeii (@pompeii_parco_archeologico)

 

Le cascate del Niagara ghiacciate, con l’arcobaleno

Le cascate del Niagara ghiacciate, con l'arcobaleno

Per via del grande freddo che ha interessato Canada e Stati Uniti nelle ultime settimane, le famosissime cascate del Niagara, che si trovano al confine tra i due paesi, sono parzialmente congelate. Come è accaduto anche altre volte, quando le temperature invernali sono molto basse parte delle cascate si ghiaccia, mentre sotto l’acqua continua a scorrere. Le cascate del Niagara ghiacciate sono un paesaggio particolarmente affascinante per visitatori e fotografi: qualche giorno fa, durante una giornata di cielo terso, il panorama è stato arricchito anche da uno spettacolare arcobaleno.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da DW Travel (@dw_travel)

I diplomatici russi in Corea del Nord che tornano a casa su un carrello ferroviario a mano

I diplomatici russi in Corea del Nord che tornano a casa su un carrello ferroviario a mano

Il 25 febbraio alcuni dipendenti dell’ambasciata russa in Corea del Nord, insieme alle loro famiglie, sono rientrati nel proprio paese con modalità molto inusuali. Alla fine di un viaggio lunghissimo – 32 ore in treno, poi 2 ore in autobus – hanno attraversato il fiume Tumen, che divide Corea del Nord e Russia, su un carrello manuale spinto per più di un chilometro su un binario ferroviario, fino alla prima stazione russa disponibile, quella di Chasan. L’insolito viaggio è stato determinato dalle misure restrittive prese dal governo nordcoreano per contenere l’epidemia da coronavirus: la Corea del Nord, infatti, ha bloccato la maggior parte dei trasporti nel paese per limitare gli spostamenti e la diffusione del virus. Il viaggio dei diplomatici e delle loro famiglie è stato raccontato anche sul sito del ministero degli Esteri russo.

Le foto e il video pubblicati dal ministero degli Esteri sono del terzo segretario dell’ambasciata, Vladislav Sorokin, che ha caricato sul carrello le valigie e la sua famiglia, tra cui la figlia più piccola di 3 anni.

Nuovo Flash