Pino Maniaci di Telejato ha mantenuto la promessa su Messina Denaro e i suoi baffi

Pino Maniaci di Telejato ha mantenuto la promessa su Messina Denaro e i suoi baffi

Dopo l’arresto di Matteo Messina Denaro Pino Maniaci, editore dell’emittente siciliana Telejato molto nota per i suoi servizi giornalistici di denuncia contro la mafia, ha mantenuto una promessa fatta tempo fa: che si sarebbe fatto tagliare i baffi che portava da 50 anni in caso di arresto di Messina Denaro. La scena è andata in onda in diretta durante il telegiornale di Telejato, di cui Maniaci è direttore e conduttore. Dallo scorso maggio Telejato va in onda solo in streaming.

– Leggi anche: Ha chiuso Telejato, la tv siciliana nota per la sua lotta alla mafia

Le nuove divise Adidas delle nazionali italiane di calcio

Le nuove divise Adidas delle nazionali italiane di calcio

Sono state presentate oggi le nuove divise delle nazionali italiane di calcio. Dopo 19 anni non sono più prodotte da Puma bensì da Adidas, nuovo sponsor tecnico dopo esserlo già stato una prima volta negli anni Settanta. Nel comunicato di presentazione si legge: «Il design di gran parte della collezione è ispirato al marmo, elemento naturale, geografico e culturale che rappresenta l’Italia, e con lei molti monumenti e luoghi culturali del Paese nel corso dei secoli».

L’accordo tra FIGC e Adidas è «a lungo termine» e per i prossimi anni l’Italia sarà una delle nazionali principali tra quelle sponsorizzate dall’azienda tedesca, che già veste Argentina, Germania, Spagna, Giappone e Belgio. La nuova collezione dell’Italia è disponibile da oggi negli store online di FIGC e Adidas e presso alcuni rivenditori autorizzati.

– Leggi anche: Lo studio che ridisegna le squadre di calcio

La prima foto del volto di Matteo Messina Denaro dopo l’arresto

La prima foto del volto di Matteo Messina Denaro dopo l'arresto

Dopo l’arresto del capo di Cosa Nostra Matteo Messina Denaro, avvenuto lunedì mattina in una clinica privata di Palermo, i carabinieri hanno diffuso la sua prima foto in oltre trent’anni. Messina Denaro era infatti latitante dal 1993 e le uniche foto del suo volto di cui si era a conoscenza risalivano a prima di quell’anno, quando aveva solo 31 anni.

(ANSA /CARABINIERI)

(ANSA /CARABINIERI)

Nel corso degli anni erano stati diffusi vari identikit di Messina Denaro, realizzati con sistemi informatici che avevano provato a ricostruirne l’aspetto immaginando come potesse essere invecchiato.

(ANSA)

(ANSA)

Nuovo Flash