Una coppia di pinguini maschi dell’acquario di Sydney ora ha un suo pulcino

Una coppia di pinguini maschi dell'acquario di Sydney ora ha un suo pulcino

Tra gli animali di cui si è parlato di più nell’ultima settimana ci sono Magic e Sphen, due pigoscelidi comuni (o pinguini Papua, Pygoscelis papua) che vivono al Sea Life Aquarium di Sydney, in Australia: pur essendo entrambi maschi, sono diventati una coppia prima della stagione degli accoppiamenti di quest’anno e quando l’acquario ha dato loro un finto uovo di cui prendersi cura, si sono comportati come una coppia di pinguini maschio e femmina, covandolo a turno. Per questo gli è poi stato dato un uovo vero che oggi si è schiuso.

Le coppie di pigoscelidi comuni, come è tipico dei pinguini, si prendono cura dei pulcini dividendosi in modo pari le cose da fare: prima la cova e poi l’alimentazione. Normalmente fanno due uova per ogni accoppiamento, ma poi privilegiano solo uno dei due pulcini perché in natura non ci sono le risorse necessarie per crescerne due: per questo dare a Magic e Sphen il secondo uovo di una coppia maschio-femmina non ha danneggiato tale coppia.

Il pulcino è stato chiamato Sphengic, dai nomi dei suoi due padri. Non si sa ancora se sia maschio o femmina, bisognerà aspettare due mesi per capirlo.

Sphen e Magic prima di avere Sphengic:

Meet Sphengic!

Meet Sea Life Sydney's *coolest* couple – Sphen and Magic AKA Sphengic!This same-sex Gentoo couple have developed a strong bond and become inseparable this breeding season. And to make sure they weren't excluded, we fostered a real egg to them from another couple who had two – and they are incubating it like absolute naturals! #LoveWinsWant more? Read it here: https://goo.gl/GPQwKG

Gepostet von SEA LIFE Sydney Aquarium am Donnerstag, 11. Oktober 2018

Il modo creativo con cui Brozovic ha sventato un probabile gol del Barcellona

Il modo creativo con cui Brozovic ha sventato un probabile gol del Barcellona

A volte un calciatore molto furbo e molto bravo nel tirare i calci di punizione decide di far passare la palla sotto la barriera formata dai giocatori avversari, approfittando del loro salto, e ci riesce: finisce per fare gol o perlomeno ci va molto vicino, sorprendendo tutti. È una cosa che riesce a pochi ma mercoledì sera probabilmente sarebbe riuscita anche a Luis Suarez, attaccante uruguaiano del Barcellona, che nel secondo tempo della partita di Champions League contro l’Inter ha fatto passare la palla sotto la barriera calciando dal limite dell’area di rigore. Non ci è riuscito perché Marcelo Brozovic, regista croato dell’Inter, lo ha capito in tempo e si è disteso per terra appena dietro, deviando il tiro altro sopra la traversa. Non è una cosa che si vede spesso: Brozovic è stato bravo a capire in mezzo secondo cosa stava per succedere.

La nuova maglia della Nazionale italiana di rugby

La nuova maglia della Nazionale italiana di rugby

È stata presentata mercoledì a Milano la nuova maglia casalinga della Nazionale italiana di rugby, realizzata dall’azienda bolognese Macron, sponsor tecnico della federazione dal 2017. La maglia verrà usata da tutte le squadre nazionali e ha uno stile abbastanza classico. Le novità sono il ritorno del colletto bianco, che mancava da diversi anni, e il tricolore nel lato interno delle maniche. C’è anche un nuovo sponsor principale: Cattolica Assicurazioni, che sarà presente sulle maglie di tutte le squadre nazionali italiane di rugby fino al 2025 e pagherà annualmente alla federazione circa due milioni di euro. La nuova maglia – insieme alla seconda, presentata a inizio mese – verrà usata a partire dai test match di novembre in programma il 3 a Chicago contro l’Irlanda, il 10 a Firenze contro la Georgia, il 17 a Padova contro l’Australia e il 24 a Roma contro la Nuova Zelanda. La nuova linea di Macron è in vendita sul sito della FIR.

Nuovo Flash