In Nuova Zelanda un cartello sessista verrà cambiato grazie al suggerimento di una bambina di 7 anni

In Nuova Zelanda un cartello sessista verrà cambiato grazie al suggerimento di una bambina di 7 anni

In Nuova Zelanda l’agenzia governativa che si occupa dei trasporti ha deciso di cambiare i propri cartelli che segnalano la presenza di lavoratori addetti alla manutenzione dei pali della luce dopo che Zoe Carew, una bambina di 7 anni, aveva segnalato il fatto che usavano un linguaggio sessista. Sui cartelli attualmente usati infatti c’è scritto “Linemen”, che letteralmente significa “uomini che si occupano della linea elettrica”: Carew ha scritto una lettera al capo dell’agenzia dei trasporti per dire che «anche le donne possono fare questo lavoro» e per suggerire che la scritta sul cartello fosse sostituita con “Line-workers”, cioè “operai che si occupano della linea elettrica”.

Fergus Gammie, il capo dell’agenzia dei trasporti neozelandese, ha risposto alla lettera di Carew ringraziandola e dicendole che quando i cartelli avranno bisogno di essere sostituiti se ne useranno di nuovi con la scritta “Line crew”, “squadra che si occupa della linea elettrica”, per cui non si dovrà aumentare la larghezza del cartello.

La madre di Carew ha postato su Twitter sia la lettera che sua figlia ha scritto sia quella che ha ricevuto in risposta.

In Italia cartelli simili al neozelandese “Linemen” sono quelli che segnalano lavori in corso con personale su strada: dicono «Rallentare» e poi sotto sia «operai al lavoro» che «men at work», per chi non sa l’italiano.

Non la solita cover di “Bohemian Rapsody”

Non la solita cover di "Bohemian Rapsody"

Di cover di Bohemian Rapsody dei Queen è piena Internet, eppure nel 2018 c’è ancora spazio per qualcosa di nuovo. Da alcuni giorni sta girando molto su Reddit il video pubblicato il 26 giugno su YouTube dall’utente Hobson. Hobson ha fatto una cover del brano dei Queen in formato MIDI, e fino a qui niente di strano. La cosa notevole però accade sullo schermo, dove grazie a una tecnica chiamata MIDI art, che permette di “suonare un disegno”, le note man mano che vengono suonate compongono il titolo della canzone.

Una scena di “La profezia dell’armadillo”, il film tratto dal fumetto di Zerocalcare

Una scena di "La profezia dell'armadillo", il film tratto dal fumetto di Zerocalcare

È stata diffusa una scena del film La profezia dell’armadillo, tratto dall’omonimo fumetto di Zerocalcare, uscito nel 2012. Il film – diretto da Emanuele Scaringi e con Simone Liberati e Laura Morante – sarà in concorso al prossimo Festival di Venezia.

Nuovo Flash