L’intervista a R. Kelly di cui si sta parlando negli Stati Uniti

L'intervista a R. Kelly di cui si sta parlando negli Stati Uniti

I siti statunitensi stanno dedicando molto spazio a una intervista rilasciata dal cantante e produttore R. Kelly, la prima da quando è stato accusato di aver abusato sessualmente di quattro donne, tre delle quali erano minorenni all’epoca dei fatti. Nell’intervista fatta per CBS con la conduttrice Gayle King, R. Kelly ha di nuovo negato le accuse e guardando la telecamera si è messo a piangere. Ha detto di essere stato «assassinato» e «sepolto vivo» e che sta «lottando per la sua vita».

Ma dell’intervista si parla soprattutto perché a un certo punto R. Kelly si è alzato dalla sedia e ha alzato ancora di più la voce dicendo di nuovo di essere innocente. Il tutto mentre l’intervistatrice è rimasta impassibile.

Nella serata di mercoledì R. Kelly è stato portato in carcere pr non aver pagato 160mila dollari di quota di mantenimento per i figli avuti con la sua ex moglie.

Il manifesto del Salone del Libro di Torino 2019, disegnato dall’artista MP5

Il manifesto del Salone del Libro di Torino 2019, disegnato dall'artista MP5

Nel corso della presentazione del programma dell’edizione 2019 del Salone del Libro di Torino, che sarà dal 9 al 13 maggio, è stato mostrato anche il manifesto dell’evento, arrivato alla trentaduesima edizione. Il manifesto di quest’anno è stato disegnato dall’artista e illustratrice MP5, tra le altre cose autrice dei manifesti del gruppo femminista Non Una Di Meno. Il titolo sul manifesto, Il gioco del mondo, è il tema del Salone di quest’anno ed è una citazione: è il sottotitolo di Rayuela, un romanzo dello scrittore argentino Julio Cortázar.

Il primo selfie con la Terra del lander israeliano in viaggio verso la Luna

Il primo selfie con la Terra del lander israeliano in viaggio verso la Luna

Il lander israeliano Beresheet, lanciato il 22 febbraio scorso da Cape Canaveral negli Stati Uniti, ha inviato un primo selfie scattato durante il suo viaggio verso la Luna. Nell’immagine sono visibili pezzi del veicolo spaziale e sullo sfondo la Terra, fotografata a 37mila chilometri di distanza. Beresheet, che è il nome ebraico del libro biblico della Genesi, è la prima missione di Israele verso la Luna ed è stata organizzata da aziende spaziali controllate dal governo israeliano.

Beresheet dovrebbe compiere il proprio allunaggio il prossimo 11 aprile, mentre la sua missione durerà nel complesso 7 settimane. Se tutto andrà secondo i piani, Israele diventerà il quarto paese ad avere raggiunto la Luna, dopo la Russia, gli Stati Uniti (gli unici con missioni umane) e la Cina. Oltre al primato, Israele confida di sfruttare la missione per compiere alcune rilevazioni sulla Luna, a cominciare dalla raccolta di dati sul suo campo magnetico, che potrebbero fornire nuove informazioni per comprendere come si formò il nostro unico satellite naturale.

Nuovo Flash