Iñárritu ha fatto una GIF per dimostrare che applaudiva la costumista di “Mad Max: Fury Road”

Iñárritu ha fatto una GIF per dimostrare che applaudiva la costumista di "Mad Max: Fury Road"

Negli ultimi giorni Alejandro González Iñárritu, che ha vinto l’Oscar come miglior regista per il film “The Revenant”, è stato criticato per non aver applaudito durante la cerimonia di premiazione la costumista Jenny Beavan, che ha vinto per Mad Max: Fury Road. In un video che è circolato molto online si vede effettivamente Iñárritu che insieme ad altri partecipanti non batte le mani: e questo è stato interpretato come una dimostrazione di non apprezzamento.

In una dichiarazione al Guardian, Iñárritu ha detto però che si trattava di una speculazione «meschina e falsa», che Jenny Beavan è una bravissima costumista e che si è meritata l’Oscar. Il regista ha anche inviato una GIF in cui lo si vede battere le mani poco dopo che Beavan gli passa accanto e mentre sale i gradini del palco.

Il trailer di “Hardcore!”, un film girato tutto in prima persona

Il trailer di "Hardcore!", un film girato tutto in prima persona

Hardcore! è un film d’azione co-prodotto da Russia e Stati Uniti e diretto dalla regista Ilya Naishuller. Uscirà in Italia il 13 aprile e ha una grande particolarità: è girato tutto in prima persona, vuol dire che il pubblico vede quello che vede il protagonista, sempre. La storia è quella di un uomo che si sveglia senza ricordare cosa gli è successo. Una donna dice di essere sua moglie ma lui non ha modo di esserne certo. Lei viene però rapita e lui deve provare a salvarla, combattendo – a Mosca, in Russia – contro numerosi nemici e avversari.

Quanto sono veritieri i film che si ispirano a fatti realmente accaduti?

Quanto sono veritieri i film che si ispirano a fatti realmente accaduti?

Il grafico David McCandless ha analizzato una serie di film prodotti a Hollywood che sono stati presentati come “ispirati a fatti realmente accaduti” e ne ha verificato scena per scena l’effettiva veridicità. Ha poi mostrato il risultato in una serie di grafici lineari con diverse fasce di colore: verde scuro per “vero”, verde chiaro per “più o meno vero”, rosa per “più o meno falso”, rosso per “falso”.

Tra il film studiati, “La grande scommessa”, che ha vinto la miglior sceneggiatura non originale agli Oscar 2016, è il film più fedele ai fatti: la percentuale raggiunge l’88.4 per cento. “Spotlight” che agli Oscar ha vinto il premio principale – quello di Miglior film – e che racconta l’inchiesta dei giornalisti del Boston Globe sui preti pedofili negli Stati Uniti ha una percentuale di fedeltà pari al 78,9 per cento.

I grafici e gli altri risultati sono qui.

Nuovo Flash