La cantonata del Tg2 sul voto in Senato su Salvini

La cantonata del Tg2 sul voto in Senato su Salvini

Pochi istanti dopo il voto del Senato che giovedì aveva deciso di autorizzare il processo contro Matteo Salvini per il caso Open Arms, l’inviata del Tg2 al Senato è intervenuta in collegamento dando la notizia opposta, raccontando – anche con una certa eccitazione – che l’aula avesse deciso «a sorpresa» di accogliere la linea del leader della Lega e quindi votare perché non fosse processato. Successivamente la conduttrice ha rettificato la notizia, e in serata il direttore del telegiornale ha diffuso una nota chiedendo scusa e definendolo «un grave errore». Il Tg2 è considerato da tempo molto vicino alle posizioni della Lega – con conseguenti duri scontri anche in redazione – e anche l’inviata autrice dell’errore era stata criticata in passato per come aveva raccontato le notizie che riguardano Salvini.

L’agguerrito intervento di Giorgia Meloni, più agguerrito

L'agguerrito intervento di Giorgia Meloni, più agguerrito

Un aggressivo ed eccitato discorso alla Camera di Giorgia Meloni, leader del partito Fratelli d’Italia, ha avuto molte attenzioni e riprese online sui giornali, tra mercoledì e giovedì: l’intervento era stato molto severo e irritato nei toni, nel volume e nelle espressioni, nei confronti del governo e di una sua presunta indulgenza verso un presunto pericolo determinato dai nuovi arrivi di immigrati dall’Africa delle ultime settimane: «Non renderemo tutto vano per la vostra furia immigrazionista!»

A margine dei molti commenti, meme, battute, discussioni, circolati online intorno al video di Meloni (“diventato virale“, come dicono i siti di news), un utente di Twitter ne ha confezionato una efficace e creativa versione associando il trasporto dell’oratrice alla lunga letteratura intorno alle formulazioni al contrario “possedute”.

Amber Heard alla fine del processo contro il Sun per la denuncia di Johnny Depp

Amber Heard alla fine del processo contro il Sun per la denuncia di Johnny Depp

Mercoledì l’attrice statunitense Amber Heard ha fatto una dichiarazione davanti alla corte di giustizia a Londra, dove da inizio luglio lei e l’attore Johnny Depp, suo ex marito, hanno testimoniato – lei per la difesa, lui per l’accusa – riguardo a una denuncia per diffamazione dello stesso Depp contro il quotidiano scandalistico britannico The Sun.

La denuncia riguarda un articolo del 2018 in cui il giornale aveva trattato come un dato di fatto le violenze di Depp contro Heard, chiamandolo “wife beater”. Il processo si è chiuso mercoledì, la sentenza è prevista per la fine di settembre. Nel frattempo la situazione giudiziaria fra i due si è complicata molto perché all’inizio del 2019 Depp ha accusato a sua volta Heard di violenza contro di lui.

Heard ha detto di essere mortificata di dover partecipare a un ennesimo processo, che in questo caso non ha voluto né chiesto: facendo riferimento alle altre procedure giudiziarie degli ultimi anni e tuttora in corso riguardo alla relazione fra lei e Depp. E,  malgrado le contestazioni di alcuni fan di Depp fuori dal tribunale, ha ringraziato  per i messaggi di solidarietà ricevuti “da tutto il mondo”.

Nuovo Flash