Vecchi video rimessi a nuovo

Vecchi video rimessi a nuovo

Denis Shiryaev è un utente di YouTube – di cui non si sa praticamente niente – che nelle ultime settimane ha pubblicato sul suo canale alcuni video che, grazie ad algoritmi, appositi software e reti neurali, rendono sorprendentemente moderni e attuali video vecchi anche più di un secolo. Uno dei video mostra immagini riprese sulla Luna nel 1972; uno fu girato a New York a inizio Novecento, altri due a Mosca e a Parigi a fine Ottocento e un altro ancora è una versione migliorata di L’arrivo di un treno alla stazione di La Ciotat, famoso cortometraggio del 1896 dei fratelli Auguste e Louis Lumière. Quello di cui si dice, ma quasi di certo non è vero, che fece scappare dal cinema il pubblico in sala, spaventato dall’arrivo del treno.

Per i suoi video “migliorati” Shiryaev usa approcci diversi. In generale li porta sempre a una risoluzione 4K (quindi con immagini particolarmente definite) e con 60 fotogrammi al secondo (nella maggior parte dei film sono 24 e nei film dei fratelli Lumiere erano 16). Nelle descrizioni dei suoi video Shiryaev aggiunge anche link e dettagli tecnici utili a chi volesse capire meglio come fa a migliorare i video: ha spiegato, tra le altre cose, che usa un programma da meno di 100 dollari (Gigapixel AI), un algoritmo che sfrutta reti neurali per colorare le immagini in bianco e nero, e un software (DAIN) per l’interpolazione delle immagini, una tecnica che – molto in sintesi – cerca di indovinare e ricreare fotogrammi che in realtà non esistono, inserendoli tra quelli esistenti.

Le immagini colorate, la cosa forse più evidente a un occhio profano, sono in realtà state criticate da alcuni siti e lo stesso Shiryaev ha scritto, nella descrizione di uno dei suoi video, di non esserne pienamente convinto e soddisfatto. Per il resto, il suo lavoro è notevole e generalmente apprezzato anche dagli addetti ai lavori: chi è interessato, può leggere un approfondimento tecnico fatto da Engadget. Per tutti gli altri è sufficiente guardare – se possibile non da smartphone, data l’alta risoluzione richiesta – uno dei video originali e, allo stesso tempo (o magari in una diversa finestra) uno di quelli modernizzati.

Un calciatore del Tottenham è andato sugli spalti per litigare con un tifoso

Un calciatore del Tottenham è andato sugli spalti per litigare con un tifoso

Ieri sera, al termine di una partita di FA Cup tra Tottenham e Norwich, Eric Dier, centrocampista inglese del Tottenham, è uscito dal campo ed è salito sugli spalti per litigare con un tifoso. Secondo il Guardian, il tifoso che Dier ha provato a raggiungere (a quanto pare senza riuscirci perché trattenuto da altre persone, mentre il tifoso si allontanava) aveva insultato il fratello del calciatore, anche lui sugli spalti. Altre versioni parlano invece di insulti che il tifoso avrebbe rivolto a Gedson Fernandes, 21enne portoghese del Tottenham.

Poco prima, il Tottenham aveva perso la partita ai rigori: uno l’aveva tirato Dier, segnandolo; un altro Fernandes, sbagliandolo. Dopo la partita, l’allenatore del Tottenham José Mourinho ha detto: «Penso che Eric abbia fatto qualcosa che noi, in quanto professionisti, non possiamo fare; ma che in certe circostanze ognuno di noi farebbe». Mourinho ha parlato di insulti che avevano a che fare con la famiglia di Dier e ha poi aggiunto che qualora la squadra dovesse punire in qualche modo Dier, lui non sarebbe d’accordo.

L’evento è avvenuto nello stadio di casa del Tottenham e Mourinho ha spiegato che il tifoso si trovava in un settore spesso occupato in gran parte da persone invitate da aziende e sponsor di vario tipo, lasciando intendere che si tratti quindi di spettatori non necessariamente e non particolarmente tifosi della squadra.

In provincia di Modena da alcuni rubinetti oggi usciva Lambrusco

In provincia di Modena da alcuni rubinetti oggi usciva Lambrusco

Oggi, nelle case di in una frazione del comune di Castelvetro di Modena, in Emilia-Romagna, dai rubinetti è iniziato a scendere vino rosso al posto della normale acque corrente. Il problema si è verificato in particolare nella zona della frazione di Settecani ed è dovuto a un incidente avvenuto in un silos contenente vino Lambrusco e appartenente a una cantina che produce Grasparossa, uno dei sette tipi di Lambrusco doc. A causa del guasto, una grossa quantità di vino ad alta pressione sarebbe fuoriscita dal silos, entrando poi nelle condotte dell’acquedotto e da lì arrivando alle case.

Il comune di Castelvetro ha comunicato di aver avvisato il gestore dell’impianto, la società HERA, che nel corso della mattina ha provveduto a risolvere il problema.

Nuovo Flash