Com’è bello tuffarsi in un milione di palline di plastica

Com'è bello tuffarsi in un milione di palline di plastica

The Beach è una delle installazioni artistiche più divertenti in circolazione: realizzata dal collettivo newyorkese Snarkitecture è una vasca lunga 60 metri e riempita con 1,1 milioni di palline di plastica bianche con cui giocare e dove tuffarsi. È stata già esposta al National Building Museum di Washington D.C. e alla Amalie Arena in Florida, e ora fa parte del Sydney Festival, in Australia. Come prevedibile, su internet è pieno di fotografie e video di persone che si divertono a nuotare, farsi selfie e scomparire nel mare di palline.

Joy Superseded Technology. 1.1 Million Balls Of Fun. The Beach At Sydney Festival @sydney_festival

Una foto pubblicata da Ross Johnson. (@rossxjohnson) in data:

Tre uomini e una bici (incastrata in un recinto elettrificato)

Tre uomini e una bici (incastrata in un recinto elettrificato)

Il sito di tecnologia Mashable segnala un video piuttosto divertente pubblicato su YouTube il 7 gennaio dall’utente BigDT, che racconta di averlo girato dopo che un suo amico aveva appoggiato la bici su un recinto accorgendosi troppo tardi che era elettrificato. Ne derivano i buffi tentativi di tre amici, tutti britannici, di districare la bicicletta, prendendosi piccole scosse e armeggiando con rami d’albero, il tutto tra molte imprecazioni e risate.

Lo strano caso dei lupi cecoslovacchi in tangenziale

Lo strano caso dei lupi cecoslovacchi in tangenziale

Sabato scorso il sito del Quotidiano del Molise ha pubblicato una fotografia particolare, con poche informazioni, dicendo di avere “ricevuto la segnalazione da un lettore”. Secondo il testo, nella foto si vedrebbero due lupi attraversare la tangenziale di Campobasso durante le forti nevicate dei giorni scorsi. L’immagine è in effetti notevole, ed è stata ripresa da altri siti e anche pubblicata sul Corriere della Sera di domenica, col titolo “Lupi in tangenziale”.
L’informazione è però un po’ contraddittoria, perché lo stesso Quotidiano del Molise dice – pur non spiegando perché – che “dovrebbe trattarsi di lupi cecoslovacchi” (generando una certa allegria tra i commentatori dell’articolo, piuttosto spiritosi): ma il “lupo cecoslovacco” è una razza di cane da pastore, di cui esistono diversi allevamenti, protagonista già di altri equivoci in passato. E i commentatori lo fanno notare.

lupi

Nuovo Flash