Nella nuova campagna pubblicitaria di Nike c’è anche Colin Kaepernick

Nella nuova campagna pubblicitaria di Nike c'è anche Colin Kaepernick

Nella nuova campagna pubblicitaria di Nike c’è anche Colin Kaepernick, il giocatore di football diventato famoso nel 2016 perché si inginocchiava durante l’inno nazionale prima delle partite per protesta contro quella che aveva definito l’oppressione dei neri e delle altre minoranze etniche negli Stati Uniti. La campagna di Nike è quella legata al famoso motto del gruppo, “Just do it”, “fallo e basta”. Ieri Kaepernick ha twittato un’immagine della campagna: una sua foto in bianco e nero con la scritta “Credi in qualcosa, anche se significa sacrificare tutto quanto”.

La decisione di Kaepernick di non stare in piedi durante l’inno era stata apprezzata e imitata da qualcuno, ma anche molto criticata perché considerata anti-patriottica. Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump aveva criticato apertamente la protesta di Kaepernick e lui, terminato il suo contratto con i San Francisco 49ers nel 2016, non ha più ricevuto offerte per giocare in una nuova squadra.

Il trailer italiano di “L’uomo che uccise Don Chisciotte”

Il trailer italiano di "L’uomo che uccise Don Chisciotte"

È online trailer italiano di L’uomo che uccise Don Chisciotte, il film che Terry Gilliam aveva provato a fare per anni e che per questo aveva già raggiunto una certa notorietà ancora prima che esistesse. Gilliam è noto per essere stato un membro dei Monty Python e per aver diretto film come L’esercito delle 12 scimmie, Brazil e Paura e delirio a Las Vegas. Iniziò a pensare a questo film alla fine degli anni Novanta, ma le riprese sono finalmente iniziate solo nel 2017, con Adam Driver protagonista. Don Chisciotte (o uno che crede di esserlo) è interpretato da Jonathan Pryce perché John Hurt – l’attore inizialmente associato al ruolo – è morto nel gennaio 2017. L’uomo che uccise Don Chisciotte sarà nei cinema italiani dal 27 settembre. La sinossi ufficiale é:

Toby, cinico regista pubblicitario, si ritrova intrappolato nelle bizzarre illusioni di un vecchio calzolaio spagnolo che crede di essere Don Chisciotte. Nel corso delle loro avventure comiche e sempre più surreali, Toby è costretto ad affrontare le tragiche ripercussioni del film realizzato quando era un giovane idealista, che ha inciso in modo indelebile sulle aspettative e sui sogni di un piccolo villaggio spagnolo. Riuscirà Toby a farsi perdonare e a ritrovare la sua umanità? Riuscirà Don Chisciotte a sopravvivere alla sua follia e a salvarsi dalla morte che incombe? Riuscirà l’amore a trionfare su tutto?

Una scena di “La profezia dell’armadillo”, sui No Tav e il Frecciarossa

Una scena di “La profezia dell’armadillo”, sui No Tav e il Frecciarossa

Il 13 settembre uscirà al cinema La profezia dell’armadillo, film tratto dall’omonimo fumetto di Zerocalcare, uscito nel 2012. La profezia dell’armadillo – che è diretto da Emanuele Scaringi e con Simone Liberati e Laura Morante – sarà presentato al Festival di Venezia nella sezione Orizzonti. Questa è una scena del film, su una discussione sulle contraddizioni di chi “è contro la Tav ma prende il Frecciarossa”.

Nuovo Flash