Il tweet del City per lo United, e soprattutto per Manchester

Il tweet del City per lo United, e soprattutto per Manchester

La sera del 24 maggio il Manchester United ha vinto l’Europa League, il secondo più importante torneo europeo per club, battendo 2 a 0 l’Ajax. Oltre allo United (il cui colore è il rosso), a Manchester c’è anche il Manchester City, il cui colore è l’azzurro. Ieri sera l’account Twitter del Manchester City ha celebrato la vittoria della squadra rivale e ha ricordato che la città, in cui c’è stato un grave attentato lunedì 22, è “unita”.

Immagini simili erano girate già un paio di giorni fa. Tra gli altri l’aveva condivisa anche Mario Balotelli, ex giocatore del Manchester City.

C’è un altro trailer del nuovo film di Luc Besson, più lungo

C'è un altro trailer del nuovo film di Luc Besson, più lungo

Si intitola Valerian e la città dei mille pianeti, nel cast del film ci sono molti attori famosi – Cara Delevingne, Dane DeHaan, Clive Owen, Ethan Hawke – e pure Rihanna. Il film è ambientato nel 2740 e parla di due agenti – Valerian e Laureline – con il compito di mantenere l’ordine nell’Universo. A un certo punto i due finiscono ad Alpha, una “metropoli intergalattica” in cui succedono un sacco di cose. La città è però sotto l’attacco di un nemico di cui si sa pochissimo; Valerian (DeHaan) e Laureline (Delevingne) devono trovarlo e possibilmente sconfiggerlo. Il film – diretto da Luc Besson, il regista di Léon, Il quinto elemento e Lucy – è basato sul fumetto francese Valérian and Laureline, scritto da Pierre Christin, illustrato da Jean-Claude Mézières, e pubblicato dal 1967 al 2010. Valerian e la città dei mille pianeti è anche il film francese più costoso di sempre: quasi 200 milioni di euro. Uscirà in Italia il 21 settembre.

Il trailer in italiano:

Il trailer in versione originale:

Un giornalista del Guardian è stato aggredito da un candidato Repubblicano in Montana, e ha registrato tutto

Un giornalista del Guardian è stato aggredito da un candidato Repubblicano in Montana, e ha registrato tutto

Greg Gianforte, un miliardario statunitense sostenuto da Donald Trump candidato per un seggio al congresso in Montana, è stato formalmente accusato di aggressione per aver attaccato e spinto a terra Ben Jacob, un giornalista del Guardian che si era presentato a un suo evento elettorale mercoledì 24 maggio. Jacobs, dice il Guardian, stava cercando di fare a Gianforte delle domande sulla riforma sanitaria proposta dai Repubblicani, quando Gianforte lo ha preso per il collo con due mani, spingendolo a terra e rompendogli gli occhiali. La ricostruzione è stata confermata da alcuni reporter di Fox News che si trovavano sul posto, ma è stata smentita dallo staff di Gianforte, che ha incolpato Jacobs per il litigio e ha detto che è stato lui a causare la sua stessa caduta a terra. Jacobs stava tuttavia registrando la conversazione con Gianforte e l’audio sembra confermare la sua versione dei fatti.

Nuovo Flash