“Chi ha incastrato Roger Rabbit” uscì trent’anni fa

"Chi ha incastrato Roger Rabbit" uscì trent'anni fa

Il 22 giugno di trent’anni fa uscì nei cinema americani Chi ha incastrato Roger Rabbit, un film ambientato in una Hollywood anni Quaranta in cui gli esseri umani convivono con i cartoni animali, che possono essere uccisi solo se sciolti nella Salamoia: una miscela di trementina, acetone e benzina. Il protagonista del film è un detective, interpretato da Bob Hoskins, che odia i cartoni ma deve scagionare il cartone Roger Rabbit ingiustamente accusato di omicidio. Roger Rabbit è sposato con Jessica Rabbit: che non è cattiva, ma la disegnano così. Il cattivo vero, il giudice Morton, è interpretato da Christopher Lloyd, Doc di Ritorno al futuro. Il regista di Chi ha incastrato Roger Rabbit è Robert Zemeckis, che girò questo film tra il primo e il secondo Ritorno al futuro.

Jessica Rabbit fu creata mischiando tra loro caratteristiche di Rita Hayworth, Veronica Lake e Lauren Bacall.

Il personaggio di Roger Rabbit fu creato mischiando elementi di altri noti cartoni: il ciuffo di capelli di Droopy, la salopette di Pippo, il cravattino di Porky Pig, i guanti di Topolino e le guance e orecchie di Bugs Bunny. Chi ha incastrato Roger Rabbit fu anche la prima volta in cui Topolino e Bugs Bunny comparvero insieme.

Hoskins raccontò che dopo il film il figlio si arrabbiò molto con lui: non riusciva a capire perché il padre, che aveva potuto lavorare con tutti quei cartoni, non gliene presentò nemmeno uno.

Melania Trump è andata a incontrare i bambini migranti con una giacca con scritto “I don’t care”

Melania Trump è andata a incontrare i bambini migranti con una giacca con scritto "I don't care"

Melania Trump, la moglie del presidente degli Stati Uniti Donald Trump, sta ricevendo moltissime critiche sui social network per via di un parka che indossava mentre saliva sull’Air Force One per andare in Texas a visitare i centri di detenzione per bambini migranti separati dalle loro famiglie. Infatti sul retro del parka si legge la scritta “I really don’t care, do you?”, che significa “Non mi importa veramente, e a te?”. La portavoce della first lady Stephanie Grisham ha risposto alle critiche rivolte alla giacca dicendo: «È una giacca. Non c’era nessun significato nascosto. Dopo l’importante visita in Texas di oggi spero che non sia questa storia ciò su cui i media si concentreranno». Poco dopo però il presidente Trump ha scritto su Twitter che un significato c’era ed era contro i media.

(Chip Somodevilla/Getty Images)

Leggi anche: Trump ha fatto marcia indietro sulle famiglie divise al confine col Messico

Il parka è di Zara e costava 39 dollari; ora non è più in vendita perché era del 2016. In questa immagine si può leggere meglio la scritta:

(Zara)

La risposta di Roberto Saviano a Matteo Salvini

La risposta di Roberto Saviano a Matteo Salvini

Con un video postato sui social network lo scrittore Roberto Saviano ha risposto al ministro dell’Interno Matteo Salvini che il 20 giugno, durante la trasmissione di Rai 3 Agorà, aveva parlato della sua scorta dicendo: «Saranno le istituzioni competenti a valutare se corra qualche rischio, anche perché mi pare che passi molto tempo all’estero. (…) È giusto valutare come gli italiani spendono i loro soldi». Nella sua risposta Saviano ha detto a Salvini che non gli fa paura e lo ha definito «ministro della malavita» per via dei rapporti tra Lega Nord e ‘ndrangheta, tra le altre cose.

Leggi anche: Chi decide come assegnare una scorta

Le mafie minacciano. Salvini minaccia.

Vivere sotto scorta è una tragedia e l'Italia è il Paese occidentale con più giornalisti sotto scorta perché ha le organizzazioni criminali più potenti e pericolose del mondo. Eppure, nonostante questo, invece di liberare dai rischi i giornalisti sotto protezione, Matteo Salvini, ministro degli Interni, li minaccia.Le parole pesano, e le parole del Ministro della Malavita, eletto a Rosarno (in Calabria) con i voti di chi muore per 'ndrangheta, sono parole da mafioso.Le mafie minacciano. Salvini minaccia.Il 17 marzo, subito dopo le elezioni, Matteo Salvini ha tenuto un comizio a Rosarno. Seduti, tra le prime file, c'erano uomini della cosca Bellocco e persone imparentate con i Pesce. E Salvini cosa fa? Dice questo: "Per cosa è conosciuta Rosarno? Per la baraccopoli". Perché il problema di Rosarno è la baraccopoli e non la 'ndrangheta. Matteo Salvini è alla costante ricerca di un diversivo e attacca i migranti, i Rom e poi me perché è a capo di un partito di ladri: quasi 50 milioni di euro di rimborsi elettorali rubati. Parla di tutto e se la prende con gli ultimi perché le persone non devono sapere che il suo partito ha rubato allo Stato milioni e milioni di euro. Parla alla rabbia di persone ignare che non sanno che i primi obiettivi di quegli imbrogli sono loro.Eppure, il Ministro della Malavita, prendendomi come suo bersaglio, mi restituisce alla parte cui appartengo. Salvini ha scelto i suoi nemici: gli italiani del Sud, italiani di cui non si occupa e di cui non si occuperà mai, gli stranieri che vivono e lavorano in Italia, le ragazze e ragazzi nati in Italia da genitori stranieri, ragazzi che parlano italiano, "che amano italiano". I suoi nemici sono i Rom.E tra gli italiani dimenticati dalla politica e dalle istituzioni, tra gli stranieri indicati come bersagli da colpire, ci sono io.Salvini con le sue minacce mi ha restituito alla parte cui appartengo, mi ha restituito agli ultimi. Sono uno di loro, ed esserlo mi rende fiero.#SalviniAmicoDellaNdrangheta #MinistrodellaMalavita

Gepostet von Roberto Saviano am Donnerstag, 21. Juni 2018

Nuovo Flash