Il video dell’autobus dell’ATAC che investe un uomo

Il video dell'autobus dell'ATAC che investe un uomo

Sta girando molto online un video che mostra un autobus di linea ATAC (l’Azienda dei trasporti di Roma) mentre investe un uomo in Largo Cesare Reduzzi, nel quadrante sud-ovest della capitale. Nel video si vede l’autobus che staziona alla fermata, e un uomo che prima gli cammina davanti e poi si gira verso l’autista che è dentro l’autobus. Dal video non si capiscono perfettamente i suoi gesti, ma subito dopo l’autista accelera e lo investe.

Non sono ancora note le motivazioni dell’autista né le condizioni dell’uomo investito, ma secondo Repubblica l’uomo sarebbe stato investito a causa di una lite con l’autista (cosa che spiegherebbe perché l’autore del video stesse riprendendo la scena). Sempre secondo Repubblica ATAC ha avviato delle indagini, mentre l’account ufficiale dell’azienda su Twitter ha scritto che «una volta individuato, l’autista sarà sospeso».

I comuni piccoli alla Lega, quelli grandi al PD

I comuni piccoli alla Lega, quelli grandi al PD

Un grafico pubblicato oggi da Repubblica sintetizza in modo interessante uno degli aspetti del voto alle europee di domenica, ovvero la differenza di successo per i tre principali partiti italiani in relazione alle dimensioni del comune. La cosa più evidente mostrata dal grafico è come la Lega vada molto bene nei comuni più piccoli, ma come i suoi voti diminuiscano nei comuni più popolati: un andamento inverso a quello del Partito Democratico, molto debole nei comuni più piccoli ma più forte in quelli più grandi.

Il completo di Serena Williams per il Roland Garros disegnato da Virgil Abloh

Il completo di Serena Williams per il Roland Garros disegnato da Virgil Abloh

Virgil Abloh, direttore creativo di Louis Vuitton e uno degli stilisti più importanti del momento, ha disegnato il completo Nike per Serena Williams, la tennista più forte di sempre, in occasione del Roland Garros, il torneo di tennis in corso a Parigi fino al 9 giugno. Williams l’ha indossato lunedì per il primo turno contro la russa Vitalia Diatchenko: è un due pezzi bianco e nero con un mantello coordinato con sopra scritto, in francese, “madre, campionessa, regina, dea”. Il completo è anche una risposta alle polemiche contro la tuta aderente che Williams aveva indossato l’anno scorso sempre a Parigi, e che era stata subito vietata dagli organizzatori, una scelta giudicata da molti retrograda e antifemminista.

Nuovo Flash