La protagonista di questa pubblicità giapponese è interpretata da 72 donne

La protagonista di questa pubblicità giapponese è interpretata da 72 donne

Glico è un’azienda dolciaria giapponese il cui motto è “una vita piena, da gustare al meglio”. Per la sua nuova pubblicità ha scelto di far interpretare la protagonista a 72 donne diverse, una per ogni anno di vita della protagonista e, dice Glico, ognuna di un’età diversa. Il numero è stato scelto perché secondo i dati della Banca Mondiale l’aspettativa media di vita è di 71.8 anni. Il titolo della pubblicità è “una vita da 71.8 secondi”: a partire dal quindicesimo secondo viene dedicato un secondo a ogni attrice: in venti secondi finisce l’adolescenza e dopo un minuto si arriva ai sessant’anni, attraversando tutte le fasi della vita. La tecnica usata è lo stop-motion: a ogni cambio di attrice c’è un taglio, che però non si nota quasi mai. Non vi diciamo come finisce.

L’allenatore dell’Inghilterra di rugby ha chiamato “meschini” gli irlandesi e ha detto che il Galles è “un posto di merda”

L'allenatore dell'Inghilterra di rugby ha chiamato "meschini" gli irlandesi e ha detto che il Galles è "un posto di merda"

Sta girando online da alcuni giorni un video, girato lo scorso luglio in un evento organizzato presso la sede inglese dell’azienda giapponese Fuso, nel quale l’allenatore della nazionale inglese di rugby, l’australiano Eddie Jones, definisce il Galles come “un piccolo posto di merda” (“a little shit place”) e chiama “meschini” (“scummy”) i giocatori dell’Irlanda, l’unica squadra che era riuscita a battere l’Inghilterra negli ultimi due anni (prima della Scozia e della Francia, nel Sei Nazioni di quest’anno).

Jones si è scusato dicendo: “Mi scuso per qualsiasi offesa recata. Ma non ci sono scuse, non avrei dovuto dire quello che ho detto”. Sabato prossimo l’Inghilterra giocherà proprio contro l’Irlanda, a Londra (nel giorno di San Patrizio) nell’ultima giornata del Sei Nazioni 2018. Il torneo è già stato vinto dall’Irlanda con una giornata di anticipo, ma l’Inghilterra può impedirgli di completare il Grande Slam.

Il centesimo gol di Messi in Champions League

Il centesimo gol di Messi in Champions League

Mercoledì sera Lionel Messi è diventato il secondo giocatore nella storia a raggiungere i 100 gol in Champions League, il torneo per club più importante al mondo. Nel ritorno degli ottavi di finale contro il Chelsea, Messi ha segnato il 99esimo gol a due minuti dal calcio d’inizio, mandando la palla in rete facendola passare sotto le gambe di Thibaut Courtois, il portiere del Chelsea, uno dei più forti al mondo. Nel secondo tempo, dopo un’ora di gioco, Messi ha segnato il suo centesimo gol in Champions League con un altro tunnel a Courtois, per il 3-0 finale. Con l’eliminazione del Chelsea, il Barcellona ha raggiunto i quarti di finale di Champions League per l’undicesimo anno di fila.

 

Con la partita di mercoledì sera, Messi ha raggiunto inoltre i 40 gol nella fase a eliminazione diretta della Champions League e i 602 gol in carriera. In Champions League solo Cristiano Ronaldo ne ha segnati di più (118, ma i primi 100 in 144 partite: a Messi ne sono bastate 123) mentre il giocatore a lui più vicino è lo spagnolo Raul (71).

Nuovo Flash