• Mondo
  • venerdì 25 Novembre 2022

Un attacco missilistico russo ha danneggiato un ospedale a Zaporizhzhia

Nella notte tra giovedì e venerdì la Russia ha attaccato la città ucraina di Zaporizhzhia, colpendo con almeno un missile una zona periferica in cui si trova un ospedale. Secondo quanto riferito dal governatore della regione omonima, Oleksandr Starukh, nell’attacco l’ospedale è stato danneggiato ma non ci sono stati feriti.

La città viene attaccata ripetutamente da mesi, ma negli ultimi giorni i bombardamenti russi si sono intensificati, e stanno riguardando soprattutto obiettivi civili: mercoledì era stato colpito il reparto di maternità di un altro ospedale vicino alla città, ed era stato ucciso un neonato.

L’esercito russo controlla gran parte della regione di Zaporizhzhia, ma non la città. Tra le zone occupate dai russi c’è anche quella dove si trova la centrale nucleare più grande d’Europa, che a ottobre il presidente russo Vladimir Putin aveva dichiarato proprietà dello stato russo. Negli scorsi giorni c’erano stati bombardamenti anche vicino alla centrale, con il rischio di causare un incidente nucleare grave: come già in passato, Russia e Ucraina si erano incolpate vicendevolmente per gli attacchi.

(AP Photo/Leo Correa, File)