• Mondo
  • Questo articolo ha più di un anno

La Polonia ha arrestato un centinaio di migranti al confine con la Bielorussia

Giovedì le forze di sicurezza della Polonia hanno arrestato circa 100 migranti e richiedenti asilo che avevano cercato di entrare in Polonia dal confine con la Bielorussia, dopo che la settimana scorsa ne avevano respinti altri usando gas lacrimogeni e idranti.

Al confine tra Bielorussia e Polonia è in corso da settimane una grave crisi migratoria, che a sua volta è al centro di uno scontro politico tra Unione Europea e Bielorussia. La Bielorussia sta cercando di spingere i migranti a entrare in Polonia, in modo da mettere in difficoltà le autorità polacche ed europee; la Polonia, uno dei paesi europei più ostili nei confronti dei migranti, si sta rifiutando di accoglierli, imponendo uno stato d’emergenza ai propri confini.

La situazione si è aggravata più di recente, quando il numero di migranti al confine è cresciuto. Mercoledì il governo bielorusso ha portato via dalla zona di frontiera circa mille migranti, sistemandoli in un centro logistico coperto vicino al confine e dando loro materassi, coperte e cibo: secondo diversi osservatori, la decisione sarebbe stata presa con l’obiettivo di diminuire la tensione con la Polonia e l’Unione Europea.

(Leonid Shcheglov/BelTA via AP)