Jair Bolsonaro ad Anguillara Veneta (AP Photo/Luca Bruno)
  • Mondo
  • martedì 2 Novembre 2021

La contestata visita di Bolsonaro in Italia

Il presidente brasiliano è stato in Veneto e Toscana, nei luoghi di origine della sua famiglia: lo hanno accompagnato diverse proteste

Jair Bolsonaro ad Anguillara Veneta (AP Photo/Luca Bruno)

Dopo aver partecipato nei giorni scorsi al G20 a Roma, il presidente brasiliano Jair Bolsonaro ha visitato alcune città italiane prima di tornare in Sud America. Le tappe del suo breve viaggio in Italia, tra Veneto e Toscana, hanno compreso i luoghi dai quali proviene la sua famiglia, e sono state accompagnate da diverse contestazioni, a cui hanno partecipato soprattutto attivisti dei centri sociali e gruppi ambientalisti. Bolsonaro ha visitato Anguillara Veneta, Padova e Pistoia: in quest’ultima ha incontrato l’unico leader politico nazionale, il segretario della Lega Matteo Salvini.

La prima visita nel programma di Bolsonaro è stata quella di lunedì ad Anguillara Veneta, una piccola città in provincia di Padova da cui emigrò il suo bisnonno paterno alla fine dell’Ottocento. Qui Bolsonaro ha ricevuto la cittadinanza onoraria, su proposta della giunta comunale guidata dalla sindaca leghista Alessandra Buoso. Ad accoglierlo, Bolsonaro ha trovato alcune decine di sostenitori e un sit-in di protesta.

Nel pomeriggio si è poi spostato a Padova, per visitare la basilica di Sant’Antonio. Qui si erano radunati fin dalla mattina circa 500 manifestanti, che avevano bloccato via Belludi, la principale strada di accesso alla chiesa. Dopo alcuni scontri con la polizia, i manifestanti sono però stati allontanati. Proprio a causa della manifestazione, all’inizio del pomeriggio lo staff di Bolsonaro aveva annunciato che la visita alla basilica era stata annullata, salvo poi confermarla poche ore dopo.

La visita di Bolsonaro in Veneto e il conferimento della cittadinanza onoraria di Anguillara Veneta sono state fortemente criticate dai politici locali di centrosinistra, ma anche dalla diocesi di Padova che in un comunicato ha detto che «non si nasconde che il conferimento della cittadinanza onoraria ci ha creato forte imbarazzo, stretti tra il rispetto per la principale carica del caro paese brasiliano e le tante e forti voci di sofferenza che sempre più ci raggiungono, e non possiamo trascurare, gridate da amici, fratelli e sorelle». Nel comunicato la diocesi ha fatto riferimento alla «grave crisi sanitaria, economica, etica, sociale e politica, intensificata dalla pandemia» in corso in Brasile.

Bolsonaro, eletto presidente nel 2018, è infatti un estremista di destra, e ha espresso più volte opinioni populiste, sessiste, omofobe e misogine, nonché rimpianto per i tempi della dittatura. Da quando è presidente, inoltre, ha smantellato varie forme di protezione ambientale in vigore in Brasile, facilitando la deforestazione dell’Amazzonia.

– Leggi anche: Le accuse contro Bolsonaro per la sua gestione della pandemia

Negli ultimi mesi i suoi consensi sono diminuiti notevolmente, a causa della pessima gestione della pandemia da coronavirus da parte del suo governo. Bolsonaro ha infatti spesso parlato del virus come di un falso problema, e inizialmente si era detto anche contrario ai vaccini, salvo poi cambiare idea. Di recente è stato accusato da una commissione del Senato brasiliano di “crimini contro l’umanità” per come ha gestito la pandemia.

Martedì Bolsonaro è andato infine a Pistoia, per visitare il visitare il cimitero di San Rocco, dove si trova un monumento ai caduti brasiliani della Seconda guerra mondiale. Alla commemorazione, avvenuta verso le 11, insieme a Bolsonaro non c’erano né il sindaco della città Alessandro Tomasi (di Fratelli d’Italia) né il presidente della Toscana Eugenio Giani (del Partito Democratico), ma solo il leader della Lega Matteo Salvini. Non c’era nemmeno il vescovo di Pistoia Fausto Tardelli.

Jair Bolsonaro e Matteo Salvini a Pistoia (Ufficio Stampa Lega/LaPresse)

Jair Bolsonaro e Matteo Salvini a Pistoia (Ufficio Stampa Lega/LaPresse)

Al termine della visita, a proposito delle polemiche per la visita di Bolsonaro, Salvini ha detto: «Voglio scusarmi con il popolo brasiliano per le polemiche nei confronti del presidente Bolsonaro venuto qui per onorare i caduti brasiliani morti per la nostra libertà, che hanno combattuto fascisti e nazisti sul serio. […] I manifestanti a Pistoia anche oggi si dimostrano quello che sono, anche nel “giorno dei morti”».

– Leggi anche: L’accordo contro la deforestazione alla COP26