• Italia
  • sabato 23 Ottobre 2021

I NAS dei Carabinieri hanno oscurato 42 siti che vendevano farmaci anche per “terapie alternative” contro la COVID-19

I NAS dei Carabinieri hanno disposto l’oscuramento di 42 siti che vendevano varie tipologie di medicinali e integratori, con allusioni più o meno esplicite circa la loro utilità (non dimostrata) contro le infezioni da coronavirus. Tra i prodotti venduti c’era l’ivermectina, farmaco antiparassitario utilizzato anche in ambito veterinario, molto in voga tra i gruppi che promuovono “terapie alternative” contro la COVID-19 rispetto a quelle dei protocolli ufficiali verificate e certificate.

Alcuni di questi siti offrivano inoltre prodotti che potrebbero essere venduti solamente dietro prescrizione medica, o vendibili solo in farmacia sotto la supervisione di un farmacista. I siti oscurati erano ospitati su server all’estero e senza specifici riferimenti ai loro gestori. L’attività di oscuramento è stata condotta dai NAS insieme con il ministero della Salute.

(ANSA/US/CARABINIERI)