• Mondo
  • giovedì 14 Ottobre 2021

A Beirut almeno 6 persone sono state uccise dopo alcuni spari contro una protesta organizzata dai gruppi sciiti Hezbollah e Amal

Giovedì sono stati sparati diversi colpi d’arma da fuoco contro i manifestanti nel corso di una protesta organizzata dai gruppi radicali sciiti Hezbollah e Amal a Beirut, in Libano: almeno 6 persone sono state uccise e più di 30 sono state ferite. Al momento non è chiaro chi abbia sparato: il ministro dell’Interno libanese Bassam Mawlawi ha detto che i colpi sono stati sparati dai palazzi circostanti da “cecchini”, che non sono stati ancora identificati.

La manifestazione era stata organizzata davanti al Palazzo di Giustizia per protestare contro il giudice che indaga sull’esplosione di Beirut, Tarek Bitar, accusato dai due gruppi di non essere imparziale e di aver politicizzato l’inchiesta prendendo di mira soprattutto politici di Hezbollah e Amal.

– Leggi anche: Dell’esplosione di Beirut sappiamo ancora pochissimo

(AP Photo/Hassan Ammar)